"FILOXENÌA": ALL’IIC DI MONACO ALLA SCOPERTA DELLA CALABRIA GRECANICA

"FILOXENÌA": ALL’IIC DI MONACO ALLA SCOPERTA DELLA CALABRIA GRECANICA

MONACO\ aise\ - "Filoxenìa" è il contrario di xenofobia: è l’amore per il forestiero, come lo intendevano gli antichi Greci, è il valore sacro dell’ospitalità, che l’antropologa-fotografa Patrizia Giancotti ha cercato e trovato nel corso della lunga permanenza nell'Italia che fu Magna Grecia, nella Calabria grecanica, di cui il libro fotografico "Filoxenìa. L'accoglienza tra i Greci di Calabria" è il resoconto.
Il volume sarà presentato a Monaco di Baviera dalla stessa autrice e ricercatrice nel corso di un incontro che si terrà giovedì, 15 marzo, alle ore 18.30, nella sede dell’Istituto Italiano di Cultura.
Con un metodo a metà tra reportage giornalistico e indagine etno-antropologica, l'autrice foto-reporter presenterà una sorta di diario di campo degli incontri speciali avvenuti in quei luoghi remoti a pochi chilometri da Reggio Calabria, una miscellanea di voci, di volti e di cunti, in un flusso che mantiene l’impronta dell’oralità territoriale e aspira a "far vedere" il racconto. Il pubblico dell'Istituto Italiano di Cultura di Monaco verrà dunque condotto alla scoperta di questo Sud peculiare, finis terrae d'Europa, che dall'alto dell'Aspromonte guarda il Mediterraneo, l'altrove vulcanico e marino della Sicilia e dell'Etna.
L’incontro "Filoxenìa. L'accoglienza tra i Greci di Calabria - Racconto, immagini, suono" si avvarrà anche della proiezione di immagini e sarà ad ingresso libero, con prenotazione obbligatoria.
Hanno organizzato l’evento Anna Conti Events & artistic agency e l’Istituto Italiano di Cultura di Monaco. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi