FIRMATO L’ACCORDO DI COLLABORAZIONE SCIENTIFICA TRA CNR E UNIVERSITÀ DI MALTA

ROMA\ nflash\ - “La Ricerca non ha frontiere. La sinergia tra ricercatori appartenenti a istituzioni e Paesi diversi è la chiave per affrontare i grandi temi universali”, afferma Massimo Inguscio, presidente del Consiglio nazionale delle ricerche. “La mia presenza oggi a Malta si inserisce nel solco della visita fatta qualche mese fa con l’allora ministro dell’Istruzione, università e ricerca. Lo scopo è quello di rafforzare la bilaterale attraverso la ricerca e l’innovazione, anche in un contesto euro-mediterraneo”. In linea con le priorità strategiche nazionali per la ricerca confermate dal ministro Valeria Fedeli, il Cnr affronta con sempre maggior forza e impegno le sfide globali in settori chiave della scienza e tecnologia, partecipando attivamente anche ai progetti di ricerca europei. In questa prospettiva, il presidente Inguscio ha firmato a Malta un accordo di collaborazione scientifica con l’Università di Malta, la principale istituzione accademica e di ricerca maltese. (nflash) 

Newsletter
Archivi