MINNITI AL CONSIGLIO D’EUROPA: NON RESPINGIMENTI IN LIBIA, MA FORMAZIONE E SUPPORTO LOGISTICO

ROMA\ nflash\ - “Mai navi italiane, o che collaborano con la Guardia costiera italiana, hanno riportato in Libia i migranti tratti in salvo”: così il ministro dell’Interno Marco Minniti rispondendo al Consiglio d’Europa che, con una lettera del 28 settembre inoltrata da Nils Muiznieks, commissario per i diritti umani presso il Consiglio d'Europa, ha chiesto un chiarimento sugli accordi, presi dal governo italiano con le autorità libiche. “L'attività delle autorità italiane – ha spiegato Minniti nel suo messaggio di risposta - è finalizzata alla formazione, all'equipaggiamento e al supporto logistico della Guardia costiera libica, in stretta collaborazione con gli organismi dell'Unione europea”. Quindi, un’attività finalizzata a rafforzare l’autonomia delle capacità operative della Libia, “non ad attività di respingimento”. (nflash) 

Newsletter
Archivi