MISSILI DI USA FRANCIA E GRAN BRETAGNA SULLA SIRIA

MISSILI DI USA FRANCIA E GRAN BRETAGNA SULLA SIRIA

ROMA\ aise\ - Missili lanciati da Usa, Francia e Gran Bretagna hanno raggiunto all’alba il centro di ricerche di Barzeh, a pochi chilometri da Damasco ed altri obiettivi nella stessa area. Secondo fonti occidentali, nel sito sarebbero state sviluppate e successivamente stoccate le armi chimiche e biologiche utilizzate per l’attacco a Douma dello scorso 7 aprile, in cui morirono diverse decine di persone.
L’attacco, per il quale sarebbero stati utilizzati oltre 100 missili, avrebbe provocato solo tre feriti e non ci sarebbero vittime civili. La tv di Stato siriana ha citato fonti militari, che hanno affermato di "aver abbattuto o deviato 13 missili in arrivo, circa un terzo del totale". Secondo l’Osservatorio per i diritti umani, vicino all’opposizione, sarebbero stati colpiti tre centri di ricerche, due vicini a Damasco uno nella provincia di Homs, oltre a una base militare sempre nella provincia di Damasco.
Il presidente americano Donald Trump ha annunciato il raid in diretta tv. “Ci saranno conseguenze” è stata la laconica replica da parte dell’ambasciatore russo.Da parte sua,il premier italiano Paolo Gentiloni ha detto che si è trattato di un'azione circoscritta contro l'uso di armi chimiche e  che pertanto non vi sarà un'escalation. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi