TIRANA: L’AMBASCIATORE CUTILLO APRE IL SEMINARIO DI FORMAZIONE SU “HORIZON2020” ED ERASMUS+

TIRANA: L’AMBASCIATORE CUTILLO APRE IL SEMINARIO DI FORMAZIONE SU “HORIZON2020” ED ERASMUS+

TIRANA\ aise\ - A pochi giorni dall’inizio della sesta edizione della fiera “Studiare in Italia”, si è tenuto ieri all’Istituto Italiano di Cultura a Tirana, un Seminario informativo sui programmi Horizon 2020 ed Erasmus +.
L’Ambasciatore italiano in Albania, Alberto Cutillo, ha aperto l’evento sottolineando come tali programmi siano fondamentali per lo sviluppo della ricerca e dell’innovazione in Europa, aprendo importanti opportunità non solo ai Paesi membri dell’UE ma anche a tutti i Paesi candidati come l’Albania.
A seguito dell’intervento dell’Ambasciatore ha preso la parola Martina Desole, rappresentante di APRE (Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea), evidenziando le tre aree di priorità sulle quali si focalizzerà il programma Horizon 2020: l’eccellenza scientifica, la leadership industriale e le sfide sociali.
Horizon 2020 rappresenta infatti il programma di ricerca ed innovazione più grande al mondo ed opera attraverso una partnership pubblico-privato, permettendo ai ricercatori di partecipare singolarmente oppure in collaborazione tra più entità di almeno tre diversi Paesi. Il Programma, a seguito della presentazione e selezione dei progetti, garantisce i fondi necessari per la realizzazione con lo scopo di completare lo spazio europeo della ricerca (ERA), coordinando le politiche nazionali di ricerca e riunendo i finanziamenti nei vari settori.
Ad oggi hanno preso parte ad Horizon 2020 circa 257 partecipanti, con 206 proposte di ricerca, 44 delle quali sono state finanziate dai contributi europei.
Geron Kamberi, Direttore dell’Agenzia Albanese per la Ricerca, la Tecnologia e l’Innovazione, ha proseguito sottolineando l’importanza di orientarsi a nuove idee che aumentino la produttività e la competitività delle aziende e ha specificato come Horizon 2020 rappresenti un’opportunità unica per l’Albania (Paese associato al Programma), al fine di integrarsi maggiormente nel campo della ricerca europea.
Durante il seminario è stato ricordato ai partecipanti l’importante appuntamento del 23 e 24 marzo con l’arrivo a Tirana di 37 istituzioni accademiche italiane fra Università, Accademie di Belle Arti e Conservatori, in occasione della sesta edizione della Fiera Studiare in Italia.
L’iniziativa, organizzata dall’Istituto Italiano di Cultura con il sostegno dell’Ambasciata d’Italia a Tirana, avrà l’obiettivo di promuovere e sostenere il sistema accademico italiano in Albania. Alla Fiera sarà presente anche l’Ambasciata d’Italia che fornirà informazioni utili sulle procedure per le iscrizioni e l’assistenza necessaria per andare in Italia a studiare. (aise)

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi