A Firenze il secondo congresso nazionale della Federazione Italiana Escursionismo

FIRENZE\ aise\ - Lo slogan “Oltre il confine” costituisce la parola d’ordine del secondo congresso della Federazione Italiana Escursionismo (FIE) che si terrà a Firenze, sabato 23 e domenica 24 ottobre. La Federazione conta 220 associazioni affiliate con circa 12.600 iscritti in tutta Italia. La FIE, rifondata nel 1946 (risale al 1948 il primo congresso), è una delle più antiche e prestigiose organizzazioni escursionistiche italiane e fa parte della Federazione Europea dell’Escursionismo (ERA), che comprende attualmente 65 organizzazioni in rappresentanza di 35 Nazioni europee con circa 3 milioni e 500 mila associati.
La sentieristica che attraversa l’Europa sarà uno dei temi centrali del congresso.
“Sarà un congresso di svolta, per questo abbiamo scelto lo slogan “oltre il confine” - spiega il presidente Domenico Pandolfo - vogliamo aprire una nuova fase della nostra storia, rafforzando il ruolo della federazione in Italia e in Europa, proprio in un momento storico in cui all’escursionismo viene riconosciuta assoluta rilevanza. Mettiamo al primo posto la protezione e una nuova cultura dell’ambiente con l’ulteriore definizione e il potenziamento della rete escursionistica che attraversa l’Europa. Su questi obiettivi chiederemo il contributo di tutti i partecipanti”.
Per la FIE, dunque, il settantacinquesimo anno di storia non è semplicemente un anniversario da celebrare “ma un confine da attraversare per progettare il futuro dell’escursionismo, pratica più attuale che mai in Europa e nel mondo”. Al congresso di Firenze si sono già iscritti numerosi delegati provenienti da tutte le regioni italiane dove è attiva la FIE. La manifestazione ha già il patrocinio del ministero della Transizione Ecologica, della Regione Toscana e della Città Metropolitana di Firenze.
Le attività di cui si occupa la Federazione sono numerose: la formazione degli accompagnatori certificati per gruppi di adulti e giovani, la tracciatura e manutenzione della sentieristica italiana ed europea, a partire dall’E/1 che collega Capo Nord a Capo Passero, ma anche la promozione del turismo ecosostenibile e dell’escursionismo d’avventura.
Per preparare il congresso, il secondo dopo settantatré anni, si è lavorato su quattro grandi temi che costituiranno altrettanti tavoli di lavoro dell’appuntamento di Firenze: l’impegno per la protezione dell’ambiente, il turismo ecosostenibile, la rete sentieristica europea con le grandi vie e i cammini religiosi, le attività sportive e competitive con le nuove tendenze che si stanno affermando (la marcia acquatica, importata dalla Francia, ne è un esempio).
Le informazioni sul congresso sono sul sito. (aise)