Cnr: cento anni di storia proiettati nel futuro

ROMA\ aise\ - Si sono aperte ieri, 23 novembre, a Roma le celebrazioni del centenario della fondazione del Consiglio nazionale delle ricerche, avvenuta il 18 novembre 1923 presso l’Accademia nazionale dei Lincei. Si sono aperte con l’evento “Scienza e Arte: dialogo in parole e musica” che ha dato il via alla cerimonia inaugurale alla presenza di personalità istituzionali, del mondo accademico e della ricerca. I festeggiamenti proseguiranno nel corso del 2023, attraverso mostre e iniziative sul territorio nazionale che coinvolgeranno la rete scientifica dell’Ente.
La cerimonia inaugurale ha preso il via alle ore 17 con il concerto dell’Orchestra sinfonica nazionale dei Conservatori italiani, che ha suonato brani di Bach e Mozart. È seguito il videocollegamento con il Ministro dell’Università e della Ricerca, Anna Maria Bernini, per il saluto istituzionale.
La Presidente del Cnr, Maria Chiara Carrozza, e il violinista e compositore, Alessandro Quarta, sono stati i protagonisti del dialogo condotto dall’inviato ed editorialista del Corriere della Sera Massimo Sideri: un confronto che ha messo in luce la trasversalità della scienza e le interconnessioni tra conoscenza scientifica, tecnologia, musica e saperi umanistici.
“Celebrare il centenario del Cnr significa festeggiare cento anni di storia italiana, di tutti coloro che hanno contribuito allo sviluppo nazionale, all’eccellenza scientifica, alla leadership industriale e all’innovazione sociale del nostro Paese. Festeggeremo in tutta Italia, coinvolgendo chi ha preso parte a questa grande avventura della ricerca italiana e internazionale”, ha affermato la Presidente del Cnr Carrozza.
Tra gli ospiti anche l’attrice Cristiana Capotondi, che ha letto brani di Galileo Galilei (“Il libro della natura” tratto da “Il Saggiatore”), testi di Albert Einstein (Arte e scienza da “Come io vedo il mondo”, Marie Curie (Fatica e meraviglia della scienza da “Autobiografia”), Isaac Newton (“Brewster's Memoirs”), e del fondatore e primo Presidente del Cnr, Vito Volterra (‘La potenza della ricerca scientifica’ da “Saggi scientifici”).
Nel corso dell’evento sono stati realizzati collegamenti video in diretta con la stazione polare Dirigibile Italia a Ny Alesund nella regione artica, dove erano presenti i ricercatori dell’Istituto di scienze polari del Cnr (Cnr-Isp) Simonetta Montaguti e Stefano Frassati, e con la stazione polare Concordia, in Antartide, dove erano presenti lo station leader Alberto Salvati e il ricercatore Thomas Gasparetto (Cnr-Isp). È stato effettuato, inoltre, un collegamento video anche con la nave oceanografica “Gaia Blu” dalle acque del Golfo di Napoli, alla presenza dei ricercatori Leonardo Langone (Cnr-Isp) e Federica Foglini (Cnr-Ismar).
L’evento di apertura è stato seguito in presenza da diversi rappresentanti istituzionali, tra cui il Viceministro degli Esteri Edmondo Cirielli, la Vicepresidente del Senato Maria Domenica Castellone, la Vicepresidente della Camera Anna Ascani, il Presidente Vicario della Regione Lazio Daniele Leodori e la Presidente della Rai Marinella Soldi. Presenti anche ricercatori e rappresentanti della comunità scientifica italiana e internazionale e giornalisti. Tradotto simultaneamente nella Lingua dei segni italiana (Lis), l’evento è stato trasmesso anche in diretta on line sui siti web del Corriere della Sera e di Rai Cultura.
Le celebrazioni proseguiranno nei prossimi mesi con un calendario di attività organizzate in tutta Italia, con eventi internazionali, mostre, dibattiti e presentazioni, e si concluderanno il 18 novembre 2023 con un evento istituzionale. (aise)