Un Almanacco della Scienza da centenario

ROMA\ aise\ - Oggi prendono il via le celebrazioni dei 100 anni dalla fondazione del Consiglio nazionale delle ricerche, avvenuta il 18 novembre del 1923. La cerimonia inaugurale, che si tiene presso la sede centrale del Cnr dalle 17.00, è solo il primo di una serie di eventi che si svolgeranno nei prossimi dodici mesi.
In occasione di questa ricorrenza, l’Almanacco della Scienza, il magazine dell’Ufficio stampa del Cnr on line da oggi, è dedicato proprio al Centenario e alle dieci parole chiave scelte per tracciare un percorso lungo la storia, l’attività e le prospettive del più grande Ente di ricerca italiano, commentate dai ricercatori e ricercatrici.
Nel Focus sono state affidate tre parole ad altrettanti direttori di Dipartimento: Emilio Fortunato Campana (Ingegneria, Ict e tecnologie per l’energia e i trasporti) esamina con Cristian Mezzetti, responsabile dell’Ufficio agenda digitale e le trasformazioni della “transizione digitale”; Fabio Trincardi (Scienze del sistema Terra e tecnologie per l’ambiente) sottolinea il grave stato in cui versa il Pianeta e l’urgenza di cambiare il nostro modello di sviluppo, monito che include le keyword “sostenibilità”, “transizione ecologica”, “energia pulita” ed “economia circolare”; Giuseppe Biamonti (Scienze biomediche) concentra invece “scienze della vita” e “One Health” parlando della genetica italiana e del Cnr.
I direttori degli Istituti di scienze del patrimonio culturale, Costanza Miliani, e di bioimmagini e fisiologia molecolare, Danilo Porro, affrontano rispettivamente alcuni progetti del Cnr per il “patrimonio culturale” e la necessità di tutelare la “biodiversità”. Francesca Tolve e Francesco Moretti dell’Unità relazioni internazionali, infine, analizzano “pace e diplomazia scientifica” esaminando le attività di Science Diplomacy.
Protagonisti del Faccia a faccia i due artisti che sono protagonisti dell’evento inaugurale del centenario, l’attrice Cristiana Capotondi e il violinista Alessandro Quarta.
In Altra ricerca si parla della mostra che commemora il primo presidente del Cnr “Vito Volterra, il coraggio della scienza”, in corso fino al 27 novembre al Festival delle Scienze di Roma. Volterra è ricordato anche nella rubrica Sonetti matematici da Alessandro Moriconi con la poesia “Quanno la scienza nun se piega”, e nelle Recensioni con i volumi “Le istituzioni e la politica culturale del fascismo” (Istituto Italiano di Studi Germanici) e “Il dissenso al fascismo” (Il Mulino). (aise)