A PRAGA IL WEB FORUM DELL’AMBASCIATA SULLA SICUREZZA CIBERNETICA NEL SETTORE SANITARIO

A PRAGA IL WEB FORUM DELL’AMBASCIATA SULLA SICUREZZA CIBERNETICA NEL SETTORE SANITARIO

PRAGA\ aise\ - Su iniziativa dell’Ambasciata d’Italia a Praga e del ministero degli Esteri della Repubblica Ceca, e con la collaborazione dell’Agenzia ICE, del CCSIRS – Centro interdipartimentale di studi strategici, internazionali e imprenditoriali dell’università di Firenze - e del NÚKIB – Agenzia nazionale ceca per la sicurezza informatica e delle informazioni, si è tenuto ieri il Live E-Forum “Critical infrastructures protection: the health sector. Analysis of existing opportunities for scientific and industrial cooperation”.
Il forum ha preso spunto da una serie di attacchi informatici che, nel corso della prima fase dell’emergenza Covid-19, ha portato alla luce carenze significative da parte ceca nel prevenire e fronteggiare attacchi cyber in grado di paralizzare l’operatività di intere strutture ospedaliere. Una situazione delicata che ha spinto il ministro della Salute ad annunciare risorse aggiuntive per il 2021 al fine di potenziare le difese informatiche degli ospedali cechi.
Come ha sottolineato l’Ambasciatore Francesco Saverio Nisio nel suo intervento introduttivo, l'Italia è in prima linea in Europa dopo l'importante aggiornamento del coordinamento nazionale sulla sicurezza cibernetica e lo scambio di buone prassi in materia di tecnologie applicate alla sicurezza nazionale rappresenta una chiave operativa cardine nelle relazioni bilaterali tra Paesi amici, in cui la tutela della collettività si coniuga con la cooperazione industriale e scientifica.
Nel corso del Forum moderato da Luigi Martino, Direttore del Centro Studi per la sicurezza cibernetica e le relazioni internazionali dell'Università di Firenze, i relatori italiani Paolo Prinetto, ordinario al Dipartimento di automazione e informatica del Politecnico di Torino e Direttore del CINI Cybersecurity National Laboratory, Roberto Setola, ordinario al Campus Bio-Medico di Roma e Direttore del master di secondo livello in Homeland Security, Marco Tulliani, Global Chief Security Officer dell'Engineering Group, e Alessia Valentini, Cybersecurity consultant, business development & Advisor del Gruppo Daman, hanno presentato una valutazione circa alcune strutture strategiche presenti in Italia in termini di cyber-reattività agli attacchi reali e potenziali, condividendo i risultati maturati nel corso di collaborazioni con attori pubblici e privati che hanno implementato soluzioni specifiche a seguito di minacce informatiche.
Da parte ceca sono intervenuti Lukáš Pimper, Czech Cyber Attaché a Bruxelles, Miroslav Sucík, Manager del Dipartimento di sicurezza dell'ospedale Militare di Praga, Pavel Minacík, Chief Technology Officer del Flowmon Networks e Petr Chmelac, Chief Research Officer di GreyCortex.
Gli esperti cechi – riporta l’Ambasciata – hanno presentato dei software innovativi per la sicurezza delle reti, ponendo l’accento sulla duplice natura dei sistemi di protezione informatica: da un lato estremamente complessi per chi tenta azioni di hackeraggio, dall’altro semplici e funzionali per l’utente finale. Da un’analisi della casistica ceca è emersa la funzione estorsiva dei virus ransomware impiegati per paralizzare le attività degli ospedali. Quando i tentativi di ricatto sono stati neutralizzati, gli hacker hanno approfittato dell’accesso a sistemi ormai compromessi per rubare dati sensibili e rivenderli sul deep web.
L'iniziativa si è tenuta in formato online con numerosi partecipanti connessi e ha costituito anche un momento di dialogo produttivo tra istituzioni, aziende e mondo accademico. (aise) 

Newsletter
Archivi