CIAK, SI GIRA: PROTAGONISTA È L’ITALIA

CIAK, SI GIRA: PROTAGONISTA È L’ITALIA

ROMA – focus/ aise - Spazio all’Italia al Jerusalem Film Festival che il 30 luglio ha proposto “Dafne” di Federico Bondi con Carolina Raspanti, Antonio Piovanelli e Stefania Casini. Il film - in italiano con sottotitoli in ebraico e inglese – è stato riproposto anche l’1 agosto. In entrambi i casi presso Yes Planet 7. Dafne è una trentenne esuberante, portatrice di sindrome di Down: ha un lavoro che le piace, amici e colleghi che le vogliono bene, sa organizzare da sola propria vita ma vive ancora insieme ai genitori. L'improvvisa scomparsa della madre manda in frantumi gli equilibri familiari: Dafne tenta invano di scuotere il padre, sprofondato nella depressione. Finché un giorno decidono di affrontare insieme un trekking in montagna. Lungo il cammino scopriranno molte cose l'uno dell'altra e impareranno entrambi a superare i propri limiti. La partecipazione dei film italiani al festival è supportata dall’Istituto Italiano di Cultura a Tel Aviv.
Edizione numero 72 per il Locarno Festival, la più importante manifestazione svizzera dedicata al cinema, ideata nel 1946.
Numerosi i film presentati ogni anno in 12 sezioni, tra cui Piazza Grande e Signs of life, e in tre diversi concorsi: Concorso internazionale, Concorso Cineasti del presente e Pardi di domani (nazionale e internazionale). Il festival rinnova per altro ogni anno il suo legame con il cinema italiano: ad aprire questa edizione sarà “Magari”, l'opera prima di Ginevra Elkann, con Riccardo Scamarcio e Alba Rohrwacher, proiettato in Piazza Grande mercoledì 7 agosto.
La celebre piazza – che può accogliere 8000 spettatori - è il cuore del festival, che porterà i suoi film anche in altri luoghi della città.
Tanti, come evidenziato dall’Istituto Italiano di Cultura a Zurigo, i film di produzione o coproduzione italiana presentati anche quest'anno.
Nella sezione “Retrospettiva: Black Light” verranno riproposti “Appunti per un’Orestiade africana” di Pier Paolo Pasolini (Italia 1970) e “Babylon” di Franco Rosso (Gran Bretagna, Italia 1980).
In “Histoire(s) du cinéma: Premio Cinema Ticino Fulvio Bernasconi” il festival presenta “Fuori dalle corde” di Fulvio Bernasconi (Svizzera, Italia 2007).
Nei “Pardi di domani: Concorso internazionale” il film “Incompiuta” di Samira Guadagnolo e Tiziano Doria (Italia 2019); in Piazza Grande la Serata evento per famiglie con “La famosa invasione degli orsi in Sicilia” di Lorenzo Mattotti (Francia, Italia 2019).
“Histoire(s) du cinéma: Premio dell'Utopia Enrico Ghezzi” proporrà “La macchina dello spazio” (Italia 2019 Beta digital).
In Concorso per “Cineasti del presente” i film “Lengmo weiyang lengmo (The Cold Raising the Cold)” di Rong Guang Rong (Italia 2019), “L’apprendistato” di Davide Maldi (Italia 2019).
In Piazza Grande, come detto, “Magari” di Ginevra Elkann.
In Concorso internazionale “Maternal” di Maura Delpero (Italia, Argentina 2019). La sezione “Histoire(s) du cinéma: Unknown Pleasures” renderà omaggio a Bruno Ganz con “Mia aioniótita kai mia méra (Eternity and a Day)” di Theo Angelopoulos (Grecia, Italia, Francia 1998).
Fuori concorso “Non è sogno” di Giovanni Cioni (Italia 2019).
Per la retrospettiva “Black Light” verranno proiettati “Orfeu Negro” di Marcel Camus (Brasile, Francia, Italia 1959); Fuori concorso nella sezione “Shorts” il cortometraggio “San Vittore” di Yuri Ancarani (Italia, Svizzera 2018). In Piazza Grande nell’ambito di “Crazy Midnight” il film “The nest (Il Nido)” di Roberto De Feo (Italia 2019).
Nell’ambito poi della Settimana italiana di Montréal, appuntamento dal 9 al 15 agosto con una rassegna dedicata al cinema italiano con la proiezione di documentari, cortometraggi e lungometraggi che saranno presentati presso la Casa d’Italia, il Centro Leonardo da Vinci e l’Università Concordia.
All’interno della rassegna, la Settimana italiana di Montréal in collaborazione con Le Petit Septième presenterà, venerdì 9 agosto, alle 19:00, presso la Casa d’Italia, Trois portraits d’Italo-Montréalais d'hier et d’aujourd’hui, alla presenza dei registi Roberto Zorfini e Giovanni Princigalli.
Sarà, inoltre, presentato in anteprima presso il Centro Leonardo da Vinci, sabato 10 agosto, alle 19:00, il documentario Montecassino, dedicato alla battaglia di Montecassino durante la seconda guerra mondiale. Il regista Anthony Sarracco sarà accompagnato dai protagonisti del film per partecipare a una discussione che seguirà
alla proiezione.
Numerosi i film in programma tra cui La cucina di Leonardo, film per bambini, e Tre compagni di Montréal, documentario sull’esperienza migratoria.
I film saranno proiettati in italiano con sottotitoli in francese o inglese. Le proiezioni si terranno presso la Casa d'Italia (505 Jean-Talon Est), il Centro Leonardo da Vinci (8370, Boul.Lacordaire) e l’Università Concordia (1400 boul. De Maisonneuve Ouest). L'ingresso è gratuito ad aperto a tutti. La programmazione completa della rassegna è disponibile su italfestmtl.ca. (focus\ aise) 

Newsletter
Archivi