CONCLUSO A TUNISI IL PROGETTO PINSEC – GIOVANI DONNE E MIGRANTI DELL’AICS

Concluso a Tunisi il progetto PINSEC – Giovani donne e migranti dell’AICS

TUNISI\ aise\ - Il progetto PINSEC – Giovani donne e migranti: percorsi d’inclusione sociale e economica in Tunisia, co-finanziato dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS), il Centro per l’educazione all’informazione e allo sviluppo (CIES) insieme all’Unione tunisina di solidarietà sociale (UTSS) e tutti i loro partner locali e internazionali, ha permesso di migliorare le competenze e le capacità degli educatori e degli assistenti sociali sulla partecipazione della comunità e l’importanza della mobilitazione sociale.
La conferenza di chiusura del progetto si terrà domani, mercoledì 27 gennaio, dalle ore 10:00 alle 13:00, in diretta sulla piattaforma Zoom e sulla pagina Facebook del CIES con lo scopo di stimolare una riflessione comune sui risultati raggiunti e sulle sfide incontrate nella sua realizzazione. Sarà soprattutto un’occasione per riflettere sull’importanza di iniziative coinvolgenti ed efficaci per costruire una società più inclusiva per i giovani e le donne in Tunisia, i migranti ed i migranti di ritorno, in un contesto come quello attuale.
L’incontro sarà aperto dai saluti istituzionali della presidente del CIES, Elisabetta Bianca Melandri, e della funzionaria AICS Anna Rita Caselli. Il progetto PINSEC sarà poi illustrato da Loredana Gionne del CIES, che illustrerà “Le buone pratiche del progetto e gli elementi innovativi degli scambi tra Italia e Tunisia, dalla mediazione interculturale all’inclusione economica e sociale”, e da Mohamed Kouini dell’UTSS, con una relazione su “Il partenariato strategico tra CIES e ITSS e l’impatto sociale del progetto”.
Alla proiezione video che restituirà in immagini le principali attività del progetto seguiranno gli interventi di Viera Schioppetto del CIES su “La messa in rete tra territorio, servizi e istituzioni: risultati del progetto” e Lotfi Messaoudi dell’UTSS su “Il partenariato strategico tra CIES e UTSS dal punto di vista operativo e del lavoro sul territorio”. (aise)


Newsletter
Archivi