CORONAVIRUS: LA COMMISSIONE UE SOSTIENE I SERVIZI TRASFUSIONALI PER AUMENTARE LA RACCOLTA DI PLASMA DA CONVALESCENTI DI COVID-19

Coronavirus: la Commissione Ue sostiene i servizi trasfusionali per aumentare la raccolta di plasma da convalescenti di COVID-19

BRUXELLES\ aise\ - La Commissione europea ha selezionato 24 progetti che svilupperanno nuovi programmi, o amplieranno quelli esistenti, per la raccolta di plasma da donatori guariti dal COVID-19.
Le donazioni di plasma saranno utilizzate per la cura dei pazienti affetti da tale malattia. Le sovvenzioni sono il risultato di un invito, rivolto lo scorso luglio a tutti i servizi trasfusionali pubblici e senza scopo di lucro dell'UE e del Regno Unito, a richiedere finanziamenti per l'acquisto di attrezzature per la raccolta del plasma. Tale azione è finanziata mediante lo strumento per il sostegno di emergenza, per un totale di 36 milioni di euro.
I progetti, che saranno realizzati in 14 Stati membri e nel Regno Unito, hanno carattere nazionale o regionale e, nella maggior parte dei casi, comporteranno la distribuzione di fondi a un gran numero di centri locali di raccolta del sangue o del plasma (oltre 150 in totale).
"Per quanto riguarda la ricerca sulle terapie per la COVID-19, occorre vagliare tutte le opzioni per garantire che trattamenti sicuri ed efficaci possano essere messi a disposizione il più rapidamente possibile”, ha spiegato Stella Kyriakides, Commissaria per la Salute e la sicurezza alimentare. “Grazie ai numerosi candidati che hanno risposto all'invito della Commissione, la raccolta di plasma può ora essere potenziata attraverso i progetti selezionati, che contribuiranno all'uso del plasma da convalescenti come possibile trattamento promettente. Stiamo facendo tutto il possibile per assicurare ai cittadini terapie sicure ed efficaci contro la COVID-19". (aise) 

Newsletter
Archivi