DAL 24 SERA CENSIMENTO IN KENYA ANCHE DEGLI STRANIERI

DAL 24 SERA CENSIMENTO IN KENYA ANCHE DEGLI STRANIERI

MALINDI\ aise\ - "Dalla sera di sabato 24 agosto in Kenya scatta il sesto censimento degli abitanti nel Paese, il primo elettronico e computerizzato". Come riferisce un articolo pubblicato dal portale in lingua italiana Malindikenya.net, diretto nella città costiera da Freddie del Curatolo, "il processo di conta dei cittadini, che comprende anche residenti e turisti, dal 1969 si tiene ogni dieci anni.
Nel tempo massimo di una settimana e solo di sera e di notte, qualcuno busserà alla porta di tutte le abitazioni del Kenya e verranno contate tutte le persone che si troveranno entro i suoi confini, anche temporaneamente.
In ogni caso il Governo, che ha assoldato 165.000 dipendenti per questo servizio, è convinto di poter svolgere il censimento nelle sere e notti di sabato 24 e domenica 25.
Sono compresi gli ospiti di altre famiglie, le persone che dormono all'aperto, chi è in viaggio o in transito nel Paese, i turisti negli alberghi e nei lodge, e in strutture come ospedali, prigioni e caserme dell'esercito.
Questo significa che il censimento potrà avvenire anche nelle case e nei residence dove sono ospitati cittadini stranieri.
Le domande chiave che verranno poste sono: età, sesso, stato civile, livello di istruzione, professione svolta, appartenenza a gruppo etnico, dimestichezza con la tecnologia, con allevamento e coltivazioni, proprietà possedute, animali ed altro. I dati verranno registrati elettronicamente con un tablet e caricate su un server. Questo garantirà che i dati siano memorizzati più velocemente di quanto non sia stato fatto durante i precedenti censimenti, oltre che più sicuri.
Le interviste dureranno un massimo di 30 minuti, il tempo dipenderà dal numero dei presenti. Gli ufficiali avranno e dovranno esibire documenti di riconoscimento e giubbotti catarifrangenti e saranno accompagnati da responsabili di zona o di villaggio.
Chi non sarà stato registrato entro il 31 agosto dovrà presentarsi successivamente negli uffici amministrativi del proprio distretto. Il censimento, secondo il Governo del Kenya, è oggi uno strumento indispensabile per programmare la crescita economica del Paese, distribuire meglio i fondi alle Contee e avere una migliore percezione delle problematiche e delle opportunità.
I dati saranno resi noti da un minimo di tre mesi ad un massimo di sei mesi, secondo quanto stabilito dal Kenya National Bureau of Statistics". (aise)


Newsletter
Archivi