EMERGENZA INCENDI IN AUSTRALIA: GLI ULTIMI AGGIORNAMENTI DEL CONSOLATO A MELBOURNE

EMERGENZA INCENDI IN AUSTRALIA: GLI ULTIMI AGGIORNAMENTI DEL CONSOLATO A MELBOURNE

MELBOURNE\ aise\ - "Le ultime notizie parlano di 1,2 milioni di ettari di terra bruciata e, nonostante un lieve miglioramento delle condizioni ambientali, il premier del Victoria Daniel Andrews ha invitato tutti a non abbassare la guardia". Gli ultimi aggiornamenti sulla situazione degli incendi nello Stato australiano del Victoria arrivano oggi dal Consolato Generale d’Italia a Melbourne.
In una nota diramata tramite internet, il Consolato riferisce che "le forze impegnate nella lotta agli incendi si stanno preparando ad affrontare le conseguenze della nuova ondata di caldo prevista per le giornate di giovedì 9 gennaio e venerdì 10 gennaio, definite da tutti giornate cruciali".
"Per venerdì 10 gennaio", riferisce il Consolato, "è altresì prevista nel centro di Melbourne una grande manifestazione popolare di protesta per la sensibilizzazione sulle tematiche ambientali collegate al clima". La polizia locale "ha stigmatizzato recisamente l'iniziativa del comitato organizzatore di predetto raduno, affermando che l’impegno delle forze di polizia dello Stato, al momento, come si può ben capire, è diretto in gran parte a supportare le forze dei vigili del fuoco, dell'esercito e della società civile, dispiegate sui vari fronti degli incendi; dunque la polverizzazione delle proprie forze su un territorio vasto e, a tratti, orograficamente complesso, rende veramente arduo un ulteriore impegno atto a mantenere l'ordine pubblico durante una manifestazione che si prevede massiccia".
Quanto alla "situazione dell'aria a Melbourne", il Consolato spiega che "appare buona, salvo peggioramenti che potrebbero avvenire nel corso delle prossime quarantotto ore".
Sul fronte Tasmania, "al momento vi sono numerosi focolai di incendio nelle zone sulla costa ubicate a nord ovest e a nord est". Nonostante ciò, conclude la nota del Consolato, "la situazione dell'aria a Hobart, la capitale della Tasmania, appare buona anche perché il fumo viene spazzato via da venti molto forti". (aise)


Newsletter
Archivi