EUROPEE E AMMINISTRATIVE NEL BADEN WUTTEMBERG: L’APPELLO AL VOTO DEL COMITES DI STOCCARDA

EUROPEE E AMMINISTRATIVE NEL BADEN WUTTEMBERG: L’APPELLO AL VOTO DEL COMITES DI STOCCARDA

STOCCARDA\ aise\ - Un fine settimana di elezioni nel Baden Wuttemberg dove oltre alle europee, si terranno anche le elezioni comunali. Entrambi gli appuntamenti elettorali chiameranno in causa anche gli italiani lì residenti: per questo, il presidente del Comites di Stoccarda, Tommaso Conte, ha inviato alla collettività un appello al voto.
“Votare è un dovere oltre che un diritto”, titola Conte, che ricorda, da un lato, che gli italiani in Germania potranno votare alle europee per i candidati italiani il 24 e 25 maggio nei seggi allestiti dai Consolati, e dall’altro che alle elezioni comunali del Baden Wuttemberg hanno diritto di voto i connazionali che hanno più di 16 anni e che risiedono da almeno tre mesi in uno dei comuni tedeschi chiamati alle urne.
“In qualità di presidente del Comites”, scrive Conte, “sento il dovere di fare appello a tutte le persone di buona volontà di non disattendere questo duplice appuntamento. Ricordo che questo diritto-dovere è ancora sia nella Costituzione italiana che nella Grundgesetz tedesca. Non votare significa per entrambe le Costituzioni venir meno ai doveri di cittadino e al contempo rinunciare a far valere la propria volontà”.
“Partecipare”, aggiunge Conte, “significa contribuire alla salvaguardia dei diritti fondamentali della democrazia, della libertà e della pace. Significa esser parte attiva dell’Europa dei popoli, delle lingue, delle culture, del dialogo, dello sviluppo, del benessere e della convivenza pacifica. Partecipare al rinnovo dei Consigli comunali tedeschi significa dare un segnale concreto di essere parte integrante e attiva della vita del rione, del quartiere o della piccola città in cui si vive”.
Quanto alle elezioni comunali tedesche, Conte sottolinea che “partecipare significa scegliere coloro che decideranno anche per noi italiani e per le nostre famiglie dove costruire, ingrandire, modificare o dismettere asili, scuole, ospedali, campi sportivi, palestre, raccolta dei rifiuti, acqua, luce e così via. Votare significa interessarsi del mondo in cui viviamo la quotidianità, interagire con gli altri concittadini e partecipare alle scelte comuni, far emergere la propria lingua e cultura del paese d’origine”
“Per questo e tanti altri importanti e significativi motivi”, conclude, “vi invito caldamente a votare e far votare”. (aise) 

Newsletter
Archivi