Fare rete

ROMA – focus/ aise - Il 26 marzo scorso l’addetto scientifico del Consolato Generale d’Italia a Chongqing, Lorenzo Gonzo, ha visitato il Museo della Scienza e Tecnologia del Sichuan a Chengdu e ha avuto un incontro con la vice direttrice del Centro di sviluppo tecnologico del Museo, Chen Lin.
Il museo, ristrutturato nel 2017, copre una superficie di circa 60.000mq e attira ogni anno più di un milione di giovani visitatori.
Durante l’incontro si è discusso della possibilità di organizzazione congiunta di eventi e mostre in tema di scienza e tecnologia, oltre che di eventuali collaborazioni con analoghi musei italiani.
All'11esima edizione dell’Australian Space Forum di Adelaide, la Camera di Commercio Italiana in Australia partecipa in partnership istituzionale con ASI, rinnovando il proprio impegno nella promozione integrata del settore spazio ed il suo ruolo nel Sistema Italia, collaborando ancora una volta con successo con l’Ambasciata d’Italia a Canberra e ICE - Italian Trade Agency.
Questa partecipazione si inserisce organicamente all’interno delle iniziative della CCIE Sydney - ICCIAUS, che da tempo lavora in questo ambito in qualità di ente operativo e attivatore di opportunità di business che coinvolgano sia i principali player che le scale-up del settore.
Il focus su questo settore nasce in conseguenza al ruolo sempre più decisivo a livello mondiale dell’aerospazio, grazie al crescente indotto della Space Economy e alle importanti ricadute, anche locali, determinate dalle continue innovazioni tecnologiche; un’industria in progressiva espansione in Australia grazie al ruolo da protagonista che si sta ritagliando globalmente e agli ingenti investimenti governativi per miliardi di dollari e decine di migliaia di posti di lavoro - raggiungendo 12mld dollari e 20.000 posti di lavoro, triplicati entro i prossimi 7 anni - che daranno luogo a occasioni senza precedenti per aziende che già operano in questo settore o intendono prenderne parte in una fase così dinamica.
Dopo aver organizzato nel febbraio 2020, in una prima azione integrata di Sistema Italia, l’”Industrial R&D in Space and Market Leaders Forum” a Sydney, con partner di spessore come SmartSat CRC, il supporto del Treasury NSW, la partecipazione delle Agenzie Spaziali di entrambi i Paesi e di speaker d’eccezione provenienti da aziende di rilevanza mondiale e innovative start-up e scale-up, ICCIAUS ha proseguito la sua attività nel settore aerospaziale partecipando alle edizioni del Forum di Adelaide, un evento chiave per l’industria australiana dello Spazio.
Dopo aver seguito con un booth digitale l’edizione virtuale dell’Australian Space Forum di Adelaide di novembre 2020, che ha attirato oltre 1200 registrazioni e relatori di alto livello provenienti da tutto il mondo, ICCIAUS ha quindi presenziato all’edizione di marzo 2021 in rappresentanza dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) e di 13 aziende italiane del settore e associate alla Camera, offrendo il proprio expertise in relazioni e networking, specialmente in un momento in cui non è possibile viaggiare agevolmente e partecipare a eventi rivolti a decision maker internazionali. La CCIE di Sydney, nell’ambito della promozione della cooperazione di Sistema in questa industria altamente strategica, si propone infatti come antenna attiva sul territorio, insieme ad Ambasciata ed ICE, per cogliere opportunità a favore delle aziende italiane e facilitarne il coinvolgimento.
Oltre alla partnership con ASI, nel corso dello Space Forum ICCIAUS ha rappresentato ACS - Angelantoni Test Technologies, Dema, D-Orbit, e-GEOS, Flysight, Leaf Space, Lead Tech, Leonardo Australia, Magnaghi Aeronautica, O.M.S., Rheinmetall Italia, Sitael Australia e T4i, leader di settore che si occupano di ingegneria, componentistica, logistica, produzione, satelliti, intelligenza artificiale, infrastrutture, telecomunicazione, Difesa e sicurezza.
Tra i temi dell’11^ edizione del Forum di Adelaide, cui hanno partecipato vertici del governo australiano, tra cui il primo ministro Scott Morrison, dell’ASA, delle istituzioni universitarie e di ricerca del Paese, si è parlato delle politiche dei trend del settore spaziale nazionale; della costruzione di un ecosistema per promuovere educazione spaziale e awareness nazionale sull’argomento; di ingegneria quantistica nel campo delle telecomunicazioni internazionali e di R&D per la manifattura e produzione industriale avanzata per l’aerospazio.
Un settore, dunque, di alto profilo contraddistinto da eccellenza e grandi investimenti in cui ICCIAUS e Sistema Italia credono fermamente, con l’intenzione di promuovere le aziende che ne sapranno cogliere tempestivamente l’importanza e con l’obiettivo di guidarle in un’opportunità di crescita per l’immediato futuro, garantendo una presenza fissa e creando occasioni di collaborazione e di investimenti grazie a un costante lavoro di pubbliche relazioni, consulenza e partnership. (focus\ aise)