IL SOTTOSEGRETARIO SCALFAROTTO ALL’INAUGURAZIONE DI PITTI IMMAGINE UOMO

IL SOTTOSEGRETARIO SCALFAROTTO ALL’INAUGURAZIONE DI PITTI IMMAGINE UOMO

FIRENZE\ aise\ - Il sottosegretario agli Affari Esteri Ivan Scalfarotto ha partecipato oggi all’inaugurazione di Pitti Immagine Uomo, la più importante rassegna dell’industria italiana di moda maschile.
Alla 97esima edizione del Salone di Firenze erano presenti oltre 1200 marchi espositivi, di cui il 45% stranieri. "Questo", ha sottolineato Scalfarotto, "è indice di una capacità di questo settore a scoprire le opportunità offerte dai mercati esteri, in primis Germania e Francia, ma anche in tutto l’estremo oriente come mostrano i dati relativi a Giappone (+18,2%), Corea del Sud (+15,7%) e Cina (+13,9). In Giappone, in particolare, l’export nel settore della moda ha registrato nel 2019 un aumento del 5,9% rispetto all’anno precedente a testimonianza dell’utilità per un Paese esportatore come l’Italia degli accordi di libero scambio".
"Oggi il sistema moda, con l’unicità della sua filiera, è uno dei settori trainanti del PIL italiano", ha ricordato Scalfarotto, "non solo dal punto di vista economico, ma anche per la forte valenza culturale rappresentata dalla moda. Con oltre 500mila occupati, un saldo commerciale che ha oltrepassato i 6,1 miliardi di euro nei primi sette mesi del 2019 e un tasso di crescita in continua ascesa a fronte di un contesto mondiale di grandi difficoltà, dobbiamo essere orgogliosi di un comparto capace di promuovere all’estero un’immagine dell’Italia fatta di bellezza, arte e cultura del saper fare".
Il sottosegretario si è poi soffermato sull’importanza di un’azione del Governo a sostegno delle imprese del comparto moda che punti a tutelare la competitività dei prodotti del Made in Italy sui mercati esteri. "Il mio personale auspicio", ha concluso Scalfarotto, "è quello di rilanciare il Tavolo della Moda, strumento che si è rivelato molto prezioso in passato per favorire quel gioco di squadra e quel "fare sistema" che è un requisito fondamentale per competere sui mercati globali".
Alla cerimonia, che si è aperta con un video messaggio del principe Carlo d’Inghilterra, erano presenti anche il sindaco di Firenze, Dario Nardella, il presidente dell’ICE, Carlo Maria Ferro, oltre che la presidente del Centro Moda, Antonella Mansi, e il presidente di Pitti Immagine, Claudio Marenzi. (aise)


Newsletter
Archivi