INCENDI IN AUSTRALIA: LE DONAZIONI SONO ESSENZIALI MA ATTENTI ALLE TRUFFE

INCENDI IN AUSTRALIA: LE DONAZIONI SONO ESSENZIALI MA ATTENTI ALLE TRUFFE

SYDNEY\ aise\ - "Mentre tutto il Paese si sta mobilitando per aiutare le comunità colpite dagli incendi e i vigili del fuoco volontari, le autorità esortano gli australiani a fare attenzione ai truffatori che si spacciano come organizzazioni benefiche o vittime". L’ultimo aggiornamento sulla grave situazione in Australia arriva da SBS Italian, lo Special Broadcasting Service che diffonde notizie in lingua italiana in tutto il Paese.
"L'ACCC (Commissione australiana per la concorrenza e i consumatori) ha reso noto che alcune persone senza scrupoli stanno sfruttando l'emergenza spacciandosi per enti di beneficenza o vittime degli incendi.
Dal settembre dello scorso anno la Commissione ha ricevuto 47 segnalazioni di truffe relative agli incendi boschivi, ma ha dichiarato alla SBS News che il numero effettivo è probabilmente più alto perché molte persone non si rendono conto di essere state truffate.
Il governo ha dunque esortato chiunque intenda fare donazioni a restare vigile e ieri (lunedì) ha annunciato l'istituzione di una hotline dedicata esclusivamente alle segnalazioni di truffe legate agli incendi boschivi, che sarà operativa da oggi (martedì 7/1/2020). Il numero è 1300 795 995.
"You can report suspicious donation appeals related to the bushfires at https://www.scamwatch.gov.au/report-a-scam. From Tuesday 7 January the ACCC will have a dedicated reporting line for bushfire related scams on 1300 795 995. For more information see https://www.accc.gov.au/update/bushfires-and-scams".
"Non fate donazioni tramite pagine di piattaforme che non verificano la legittimità della raccolta fondi o che non garantiscono che il vostro denaro sarà restituito se la pagina è ritenuta fraudolenta", ha affermato un portavoce dell'ACCC.
I truffatori stanno usando vari metodi per sollecitare donazioni fraudolente, ha aggiunto il portavoce, tra cui pagine di crowdfunding che si spacciano per organizzazioni benefiche ufficiali, telefonate e messaggi che sembrano provenire da un ente che chiede donazioni o persone che addirittura fingono di essere vittime degli incendi.
L'allarme giunge pochi giorni dopo la scoperta di una pagina fraudolenta di crowdfunding che sosteneva di raccogliere fondi per la famiglia di Robert e Patrick Salway, padre e figlio morti mentre cercavano di proteggere la loro casa a Cobargo, sulla costa meridionale del New South Wales. Lo rende noto ABC News.
Quasi 4.000 dollari sarebbero stati raccolti attraverso la pagina (poi chiusa), che utilizzava i nomi e le foto di Robert e Patrick Salway e che era stata creata utilizzando il nome di un loro parente.
A dicembre i distretti di polizia di Chiefley e Tuggerah Lakes hanno reso note due truffe che hanno visto persone spacciarsi per impiegati dell'RFS (Servizio antincendi rurale del NSW).
Il distretto di polizia di Chifley, situato a Bathurst, ha fatto sapere che un uomo avrebbe bussato alle porte di ignari residenti affermando di essere un vigile del fuoco volontario chiedendo donazioni in denaro a Portland, Wallerawang e Cullen Bullen. A Tuggerah Lakes, sulla Central Coast del NSW, una persona ha chiesto donazioni per telefono.
In un comunicato emesso lunedì, la polizia del NSW ha reso noto di aver ricevuto "una serie di segnalazioni riguardanti presunte pagine fraudolente di crowdfunding relative alle vittime di incendi boschivi e alle operazioni di soccorso".
"La polizia esorta la popolazione ad essere vigile se decide di donare denaro e, in mancanza di certezze, a prendere in considerazione la possibilità di donare solo ad enti ufficiali", si legge nella nota.
La responsabile regionale di GoFundMe Australia, Nicola Britton, ha anche invitato gli australiani a prestare attenzione quando donano denaro online e ha aggiunto che, a partire dalla vigilia di Capodanno, la sua organizzazione ha ricevuto un numero "senza precedenti" di donazioni.
"Assicuratevi che la piattaforma che state utilizzando sia credibile e che abbia un protocollo di sicurezza", ha detto Britton a SBS News. "Abbiamo personale assegnato al monitoraggio della piattaforma 24 ore su 24 che interagisce con gli organizzatori e i beneficiari delle campagne di solidarietà. Inoltre i fondi raccolti non verranno distribuiti fino a quando non avremo parlato direttamente con le persone o la comunità che beneficeranno di quel denaro".
Britton ha dichiarato che la scorsa settimana su GoFundMe sono stati raccolti oltre 5 milioni di dollari attraverso 90.000 donazioni individuali e sono state create più di 1.600 campagne GoFundMe in relazione agli incendi.
Solo la campagna per il Koala Hospital di Port Macquarie ha raccolto donazioni per oltre 3,7 milioni di dollari provenienti da 100 Paesi.
"Ieri e l'altro ieri abbiamo registrato livelli record di donazioni per iniziative relative agli incendi da quando abbiamo aperto GoFundMe in Australia", ha aggiunto Britton.
"In risposta alla quantità di donazioni, abbiamo un team che lavora 24 ore su 24 per verificare rapidamente l'autenticità delle campagne, compresi i controlli di identità delle persone che le creano e dei beneficiari", ha concluso.
La campagna di raccolta fondi su Facebook creata dall'attrice comica australiana Celeste Barber ha già superato i 40 milioni di dollari, denaro che sarà destinato ai vigili del fuoco del NSW". (aise)


Newsletter
Archivi