"LEONARDO E LA NASCITA DEL MITO" A LONDRA

"LEONARDO E LA NASCITA DEL MITO" A LONDRA

LONDRA\ aise\ - Secondo appuntamento a Londra con il ciclo "Science for society", che si terrà mercoledì 27 novembre, alle ore 18.30, nella sede dell’Istituto Italiano di Cultura.
Promotori dell’iniziativa sono lo stesso Istituto, l’Ufficio Scientifico dell’Ambasciata d’Italia a Londra e l’Association of Italian Scientists in the UK (AISUK).
In occasione del cinquecentesimo anniversario della morte di Leonardo, la seconda conferenza del ciclo sarà dedicata a "Leonardo da Vinci’s machines and their rediscovery in the modern era: the birth of the myth", ovvero "Le macchine di Leonardo da Vinci e la loro riscoperta nell’era moderna: la nascita del mito".
La conferenza consentirà di ripercorrere le tappe storiche che, alla fine del diciannovesimo secolo, hanno portato alla scoperta dei disegni di Leonardo delle macchine che hanno contribuito, nel secolo successivo, alla nascita del mito del genio rinascimentale.
Leonardo ci ha lasciato infatti più di 6000 pagine di appunti e disegni, molti dei quali dedicati alla scienza o alla tecnologia. Le sue opere su carta hanno avuto un certo impatto ai loro tempi, ma sono rimaste note personali sostanzialmente sconosciute fino al XIX secolo, per diventare un fenomeno culturale solo durante il XX secolo. Tale popolarità fu dovuta soprattutto alla prima riproduzione in facsimile degli studi tecnici di Leonardo alla fine del XIX secolo e si sviluppò con la prima mostra che nel 1939 espose a Firenze numerose ricostruzioni delle macchine e dei dispositivi di volo meccanici di Leonardo. La mostra fiorentina fu la svolta: da allora l'idea di Leonardo come precursore della scienza e della tecnologia moderne andò radicandosi in tutto il mondo.
Relatori della conferenza saranno l’italiano Andrea Bernardoni e il collega britannico Matthew Landrus.
Andrea Bernardoni è ricercatore e curatore presso il Museo Galileo di Firenze, nonché fondatore nel 2013 del gruppo di studio internazionale Artes Mechanicae. Dal 2016 è membro del comitato scientifico di Leonardotechk@, una piattaforma per la consultazione dei manoscritti di Leonardo, sviluppata dal Museo Galileo. È stato autore di numerose pubblicazioni e curatore di alcune delle più importanti mostre su Leonardo dal 2006 ad oggi.
Matthew Landrus è supernumerary fellow presso il Wolfson College e la Facultà di Storia della Università di Oxford. Ha pubblicato numerosi libri su Leonardo da Vinci, come ad esempio "Leonardo da Vinci, 500 years on" (Andre Deutsch, 2018), "Strumenti e meccanismi. Leonardo e l’art dell’ingegneria. Disegni di Leonardo dal Codice Atlantico" (DeAgostini 2013), "Leonardo da Vinci’s giant crossbow" (Springer 2010), "Le armi e le macchine da guerra: il De re militari di Leonardo" (DeAgostini 2010) e "The Treasures of Leonardo" (Carlton 2006). (aise)


Newsletter
Archivi