PAESE CHE VAI AMBASCIATORE CHE TROVI

PAESE CHE VAI AMBASCIATORE CHE TROVI

ROMA – focus/ aise – Quali sono state le recenti attività di alcuni ambasciatori nel mondo? Scopriamolo cominciando dal Brasile, dove alla Facoltà di Giurisprudenza dell'Università Federale del Minas Gerais, a Belo Horizonte, l’Ambasciatore d’Italia in Brasile, Antonio Bernardini, terrà, martedì 10 settembre alle ore 11.30, un seminario di diritto internazionale dal titolo: “Italia e Brasile: politica, economia e cultura”.
L'evento si svolgerà in collaborazione tra l'Università Federale del Minas Gerais e il Consolato italiano a Belo Horizonte. Ed è possibile partecipare gratuitamente senza necessità di registrazione preventiva.
I seminari di diritto internazionale sono dei tradizionali incontri mensili di internazionalisti della UFMG Law School, nei quali accademici, diplomatici, autorità e professionisti del diritto internazionale tengono conferenze al fine di creare uno spazio permanente per promuovere il dibattito sui principali problemi dell'agenda internazionale e sui problemi legali contemporanei più rilevanti. Continuiamo spostandoci in Inghilterra, dove l’ambasciatore
d’Italia a Londra, Raffaele Trombetta, ha ricevuto, lo scorso 3 settembre, i giornalisti corrispondenti dei media italiani presenti nella capitale britannica e con loro ha avuto uno scambio di idee e aggiornamenti su diverse questioni di attualità.
Nel corso della conversazione, ospitata nella residenza di Grosvenor Square, l’ambasciatore ha anticipato alcune assi attorno alle quali ruoterà nell’immediato futuro l’attività dell’Ambasciata e della rete consolare. Tra queste vi sarà una serie di incontri informativi a beneficio dei connazionali che vivono a Londra e in altre città del Regno Unito, il costante aggiornamento dell’analisi dell’impatto dell’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea e il monitoraggio delle misure adottate a tutela dei diritti dei cittadini e a protezione dei rapporti commerciali esistenti e futuri.
L’ambasciatore Trombetta ha inoltre confermato che il dialogo tra le due capitali sui temi della politica internazionale che sono di reciproco interesse è un filone di attività che prosegue intensamente e che avrà in autunno ulteriori occasioni di approfondimento, anche alla luce della Brexit.
I corrispondenti da parte loro hanno offerto all’ambasciatore interessanti spunti di riflessione sulle implicazioni dell’attuale fase politica britannica e sulle aspettative e sulle attività della numerosa comunità di italiani residenti nel Regno Unito.
La riunione tra la stampa italiana a Londra e l’ambasciatore è un appuntamento periodico che si inserisce nel contesto del proficuo dialogo esistente tra l’Ambasciata e tutte le componenti della ricca e variegata presenza italiana nel Regno Unito. Spostiamoci a Samaxi, dove l’ambasciatore d’Italia in Azerbaijan, Augusto Massari, su invito della Fondazione Heydar Aliyev, ha partecipato al primo Festival del vino che si è tenuto il 3 e 31 agosto scorsi a Samaxi.
L’ambasciatore ha visitato gli stand dei vari produttori locali che hanno collaborazioni con enologi italiani e si è complimentato con il segretario generale della Fondazione Heydar Aliyev, Anar Alakbarov, ispiratore e mente dell’iniziativa. Si è in seguito intrattenuto presso lo stand Chabiant, incontrando l’enologo italiano della cantina, Andrea Uliva. Ha poi fatto sosta anche agli stand delle cantine Savalan e Meysari. Quest’ultima ha da pochi mesi avviato una collaborazione con enologi italiani per svolgere ricerca sui vitigni autoctoni ed espandere la sua produzione.
Nel corso della sua permanenza a Samaxi, l’ambasciatore Massari ha incontrato il ministro dell’Agricoltura Iman Kerimov, il presidente del Comitato statale per il turismo Fuad Nagiyev e il sindaco di Samaxi Tahir Mammadov. Il tutto all’insegna del rafforzamento dell'amicizia tra Italia e Azerbaigian. Dall’Azerbaijan al Turkmenistan,dove l’ambasciatore d’Italia Turkmenistan, Diego Ungaro, ha incontrato il rettore dell’Accademia delle Belle Arti di Ashgabat, Nuvvaev Ahatmyrat.
All’incontro hanno partecipato anche il vice rettore e i direttori di alcuni dei Dipartimenti maggiormente interessati a proseguire e rafforzare la già solida collaborazione stabilita con l’esposizione e la conferenza su Caravaggio in Turkmenistan nel 2018 e le due edizioni dell’Italian Design Day – IDD realizzate con la partecipazione di Luca Molinari e il direttore dello European Design Institute di Firenze, Igor Tanzi. (focus\aise) 

Newsletter
Archivi