RESPIRI E FREMITI DI FLAUTO NEL PIANO E NEL FORTE: CON FEDERICA LOTTI ALL’IIC DI OSLO

RESPIRI E FREMITI DI FLAUTO NEL PIANO E NEL FORTE: CON FEDERICA LOTTI ALL’IIC DI OSLO

OSLO\ aise\ - Uno spaccato sui linguaggi contemporanei. È questo il tema centrale che caratterizzerà il concerto di solo flauto previsto per giovedì prossimo, 7 novembre, all'Istituto Italiano di Cultura di Oslo, con la rinomata flautista Federica Lotti.
Il programma prevede “Due preludi per ottavino”, di Camillo Togni, “Cord’amare”, di Alvise Zambon, “Frammento IV per ottavino”, di Corrado Pasquotti, dall’opera da camera “Senhal”, tratta da “Gli sguardi i fatti e senhal", di Andrea Zanzotto, “Cinque cori notturni sotto costa”, di Federico Gardella, e “Apostrofe”, di Ivan Fedele.
Federica Lotti è una sensibile interprete di un vasto repertorio che va dal classico al contemporaneo e dedicataria di numerosi pezzi espressamente scritti per lei da importanti compositori del nostro tempo. Ha suonato come solista con orchestre italiane e straniere, per istituzioni quali la Biennale di Venezia e il Festival Pontino, e in sale prestigiose di tutto il mondo (Piccolo Regio di Torino, Sale Apollinee del Teatro La Fenice di Venezia, Conservatorio di Strasburgo, Centro Pompidou di Parigi, Mozarteum di Salisburgo, Accademia Chopin di Varsavia, Linhart Hall di Lubiana, oltre che a Graz, Zagabria, Stoccolma, Salamanca, Izmir, Bacau, Denton in Texas, Tokyo, Hong Kong, Macao, Taiwan e in varie città della Cina). Ha registrato trasmissioni televisive e radiofoniche per RaiUno, Radio Capodistria, Radio Tirolo ed inciso per Edipan, Taukay, Curci, Brilliant. Docente al Conservatorio "B. Marcello" di Venezia, vi ha organizzato numerosi progetti, spesso in collaborazione con le più importanti realtà culturali della città lagunare. Mette la sua creatività musicale al servizio di temi a carattere etico e di impegno civile (ambientalismo, dialogo interculturale). (aise) 

Newsletter
Archivi