SCONTRO DIPLOMATICO UE – VENEZUELA/ IL “PROFONDO RAMMARICO” DELLA FARNESINA

Scontro diplomatico Ue – Venezuela/ Il “profondo rammarico” della Farnesina

ROMA\ aise\ - Rapporti tesi tra Ue e Venezuela. Dopo la decisione di Maduro di dichiarare “persona non grata” l’ambasciatrice Ue nel Paese sudamericano, Isabel Brilhante Pedrosa, il Consiglio europeo – su proposta dell’alto rappresentante per la politica estera Borrell - ha fatto altrettanto con l’ambasciatrice venezuelana presso l’Ue, Claudia Salerno Caldera.
“Questa decisione fa seguito a quella del governo venezuelano”, si legge nella nota del Consiglio europeo. “L’Unione europea considera questa dichiarazione del tutto ingiustificata e contraria all'obiettivo dell'UE di sviluppare relazioni e costruire partenariati nei paesi terzi”.
A Brilhante il governo venezuelano ha dato tre giorni per lasciare il Venezuela; la diplomatica è stata dichiarata “persona non grata” dopo l’aggiornamento della lista europea dei funzionari venezuelani sanzionati.
Attraverso la Farnesina, l’Italia ha espresso “profondo rammarico per la decisione del Venezuela” e chiesto “il ritiro del provvedimento”.
“L’UE – conclude il Maeci – rimane un attore fondamentale per facilitare la ripresa del dialogo tra le parti, unica via d’uscita alla crisi”. (aise) 

Newsletter
Rassegna Stampa
 Visualizza tutti gli articoli
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli