SCRIVI CHE TI PASSA

SCRIVI CHE TI PASSA

ROMA – focus/ aise - Incipit Offresi - il primo talent letterario itinerante dedicato agli aspiranti scrittori, ideato e promosso dalla Fondazione ECM - Biblioteca Archimede di Settimo Torinese, in sinergia con Regione Piemonte - apre le iscrizioni alla quinta edizione.
Incipit Offresi è un format a tappe con l’obiettivo di scovare nuovi talenti. La partecipazione è gratuita e aperta agli scrittori, esordienti e non, di tutte le nazionalità ed età, previa autorizzazione di un genitore o tutore nel caso di concorrenti minorenni. I candidati dovranno presentare le prime righe della propria opera, l’incipit appunto: un massimo di 1.000 battute con le quali catturare l’attenzione dei lettori e una descrizione dei contenuti dell’opera.
La sfida si giocherà a colpi di incipit da settembre 2019 a marzo 2020 all’interno delle biblioteche del Piemonte, con qualche tappa “extraterritoriale” tra cui Roma. Nella scorsa edizione sono stati oltre 120 i candidati, provenienti da varie regioni d’Italia.
A partire dalla prima tappa che si svolgerà a Settimo Torinese il 19 settembre, durante ogni appuntamento gli aspiranti scrittori avranno 60 secondi di tempo per leggere o raccontare il proprio incipit precedentemente inviato in sede di iscrizione al concorso alla giuria tecnica (composta da editori, librai, bibliotecari, lettori assidui e lettori occasionali della biblioteca ospitante).
Allo scadere del minuto la giuria e il pubblico in sala esprimeranno un giudizio assegnando eventualmente altri 30 secondi all’aspirante scrittore per continuare l’incipit o esporre la propria idea di libro. Finito il tempo massimo di 90 secondi, la giuria tecnica esprimerà un voto che verrà sommato al voto assegnato dalla Scuola del Libro di Roma per decretare il vincitore.
Per ogni tappa, l’aspirante scrittore che avrà ottenuto il punteggio più alto si aggiudicherà il diritto ad accedere a una delle due semifinali e la possibilità di arrivare alla finale in programma al Salone Internazionale del Libro di Torino 2020. La finale 2019 è stata presentata da Neri Marcoré.
Il concorrente primo classificato nella gara finale riceverà un premio in denaro di 1.000 euro, mentre 500 euro saranno il premio per il secondo classificato. Saranno inoltre messi in palio fra tutti i partecipanti alla finale il Premio Calvino, il premio "Indice dei libri del mese" ed eventuali altri premi assegnati dagli editori.
Ci si può iscrivere direttamente sul sito www.incipitoffresi.it fino a esaurimento dei posti disponibili per la tappa scelta.
Incipit Offresi è un’occasione innovativa per diventare scrittori e promuovere la lettura e la scrittura, una scommessa basata su poche righe, un investimento sulle potenzialità dell’autore. La vera chance dell’iniziativa è la possibilità offerta agli aspiranti scrittori di incontrare e dialogare direttamente con gli editori coinvolti nelle varie fasi del progetto, farsi conoscere e raccontare la propria idea. Incipit Offresi è un vero e proprio talent della scrittura, lo spazio dove tutti gli aspiranti scrittori possono presentare la propria idea di libro. Fino ad oggi sono stati decretati 4 vincitori, uno per ogni edizione, e sono stati pubblicati 40 libri dagli editori.
Incipit Offresi è un’iniziativa ideata e promossa dalla Fondazione ECM – Biblioteca Archimede di Settimo Torinese e Regione Piemonte, con la collaborazione della casa editrice Archimedebooks di Settimo Torinese, della Scuola del Libro di Roma e con la sponsorizzazione di NovaCoop.
Si avvicina, in Sardegna, il tempo di uno degli appuntamenti letterari più attesi dell'isola: è il premio intitolato a Giuseppe Dessì, in programma a Villacidro, per l'edizione numero trentaquattro, da domenica 22 a domenica 29 settembre. E sarà, come da tradizione, un fitto calendario con presentazioni di libri, concerti, mostre e laboratori e il momento centrale della premiazione dei vincitori, sabato 28 settembre: quaranta appuntamenti, che animeranno il centro del Sud Sardegna dove lo scrittore sardo aveva le sue radici, con la presenza di ospiti d'eccezione, come, tra gli altri gli scrittori Enrico Galiano, Diego De Silva, Simona Sparaco, la violinista Anna Tifu e il pianista Marco Schirru, il cantautore Pacifico.
Procede a ritmi serrati il lavoro della Fondazione "Giuseppe Dessì", organizzatrice del premio letterario con il Comune di Villacidro, col patrocinio dell'Assessorato Regionale della Pubblica Istruzione, della Fondazione di Sardegna, del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del GAL Linas Campidano.
Sono 351 le opere pervenute alla segreteria del premio: 239 per la Sezione Narrativa e 112 per la Sezione Poesia. Nei prossimi giorni saranno esaminate dalla giuria che selezionerà tre finalisti per ciascuna delle due sezioni letterarie, i cui nomi verranno annunciati nel corso di una conferenza stampa prevista per i primi di settembre. Presieduta da Anna Dolfi, la qualificata commissione giudicatrice è composta da Duilio Caocci, Giuseppe Langella, Giuseppe Lupo, Stefano Salis, Gigliola Sulis, dal presidente della Fondazione Dessì Paolo Lusci, e, in un passaggio di testimone con Massimo Onofri e Mario Baudino, da due nuovi giurati: l'italianista Gino Ruozzi, dell'Università di Bologna, e la firma del quotidiano Il Giornale Luigi Mascheroni.
Agli stessi giurati spetterà il compito di proclamare e premiare i vincitori, che si aggiudicheranno i cinquemila euro in palio (agli altri finalisti andranno invece 1.5oo euro) e inseriti nel prestigioso albo d'oro del premio, che annovera tra i vincitori i poeti Elio Pecora, Maria Luisa Spaziani, Giancarlo Pontiggia, Alda Merini, Eugenio De Signoribus, Gilberto Isella, Gian Piero Bona, Alba Donati, Mariagiorgia Ulbar, Milo De Angelis, Maria Grazia Calandrone, Alberto Bertoni e gli scrittori Sandro Petroni, Nico Orengo, Laura Pariani, Salvatore Mannuzzu, Marcello Fois, Michela Murgia, Niccolò Ammaniti, Salvatore Silvano Nigro, Antonio Pascale, Maurizio Torchio, Edgardo Franzosini, Carmen Pellegrino, Sandra Petrignani.
Non mancheranno, anche quest'anno, altri due riconoscimenti: il Premio Speciale della Giuria (sempre dell'importo di cinquemila euro) e il Premio Speciale della Fondazione di Sardegna. Il primo, che la giuria si riserva di attribuire a un autore o a un'opera di vario genere letterario, in passato è andato a esponenti della società o della cultura italiana come Luigi Pintor, Sergio Zavoli, Alberto Bevilaqua, Arnoldo Foà, Francesco Cossiga, Marco Pannella, Piero Angela, Ascanio Celestini, Mogol, Philippe Daverio, Toni Servillo, Piera Degli Esposti, Salvatore Settis, Remo Bodei ed Ernestro Ferrero. Torna invece per il terzo anno consecutivo l'altro premio speciale, quello istituito dal consiglio d'amministrazione della Fondazione Dessì con la Fondazione di Sardegna, che viene assegnato a una personalità del panorama culturale o artistico: lo psichiatra Vittorino Andreoli e il giornalista Ferruccio De Bortoli sono stati i vincitori nella scorsa edizione. (focus\ aise) 

Newsletter
Archivi