STUDIARE ALL’ESTERO GRAZIE ALLE REGIONI

STUDIARE ALL’ESTERO GRAZIE ALLE REGIONI

ROMA – focus/ aise – Migliorare l'accesso all'istruzione terziaria, incrementare le opportunità di mobilità verso Paesi esteri a fini formativi e professionali per promuovere la qualificazione del capitale umano e l'occupabilità degli individui, sostenendo la partecipazione di laureati toscani a percorsi di alta formazione post laurea che si svolgono all'estero. Contribuire all'aumento di risorse umane qualificate per la ricerca, lo sviluppo e la diffusione dell'innovazione nell'economia regionale, con particolare attenzione agli ambiti ed ai settori strategici per lo sviluppo della Regione. Sono queste le finalità del bando “Voucher Alta Formazione all'estero - Master anno accademico 2019-2020” della Regione Toscana, rivolto a laureati con non più di 35 anni residenti in Toscana, ammessi a master presso qualificate Università estere.
Il bando è cofinanziato dal Programma operativo regionale (Por) del Fondo sociale europeo 2014-2020, in particolare dalle risorse stanziate per l'attuazione della linea "Interventi per l'internazionalizzazione, lo sviluppo di competenze e di percorsi di ricerca" dell'asse C "Istruzione e formazione", e rientra nel progetto regionale “Giovanisì” per l'autonomia dei giovani.
Il bando sostiene, tramite voucher, la partecipazione di giovani laureati a percorsi di alta formazione post laurea da realizzarsi all'estero presso istituzioni straniere. In particolare si prevede l'assegnazione, su richiesta, di un contributo pubblico (voucher) finalizzato a promuovere, tramite il rimborso delle spese di iscrizione e di soggiorno come individuate di seguito, l'accesso a master, finalizzati all'accrescimento delle competenze professionali, all'inserimento o reinserimento qualificato, nonché al miglioramento della propria posizione nel mercato del lavoro.
Le domande di finanziamento possono essere presentate da persone fisiche che abbiano massimo 35 anni (34 anni e 364 giorni); in possesso di laurea, laurea magistrale o laurea vecchio ordinamento; residenti in Toscana già alla data del 30 giugno 2019; che siano già stati ammessi al master per cui viene richiesto il voucher e in possesso di un'idonea lettera di accettazione dell'Università; e con un ISEE (in corso di validità) di importo non superiore a euro 100.000.
Non sono ammesse le domande di coloro che abbiano già beneficiato del voucher regionale alta formazione all'estero l’anno scorso.
Le domande devono essere presentate al settore "Diritto allo Studio e Sostegno alla ricerca" della Regione Toscana, solo online (https://web.rete.toscana.it/fse3), entro e non oltre il 17 dicembre 2019.
Il master per cui viene richiesto il voucher deve essere continuativo e full time, deve avere durata almeno annuale (da intendersi come anno accademico) e/o rilasciare almeno 60 ECTS.
L'importo massimo del voucher che può essere richiesto è pari a 14mila euro per un master di durata sino a 12 mesi (master annuale); 17mila euro per Master di durata oltre 12 mesi (master pluriennale).
Nell'ambito dell'importo massimo indicato, il voucher rimborsa, parzialmente o totalmente, le spese di iscrizione per la frequenza al percorso formativo da documentare a costi reali; le spese per la fideiussione (se richiesto acconto) da documentare a costi reali; le spese accessorie di viaggio; le spese accessorie di soggiorno. Tutte le informazioni, il bando e il link alla modulistica sono disponibili qui: http://www.regione.toscana.it/-/voucher-per-master-all-estero-2019-2020.
E poi: Incentivare la mobilità studentesca per favorire scambi linguistici e culturali tra i giovani di tutto il mondo: questa, in sintesi, la finalità del Bando approvato dalla Giunta della provincia Autonoma di Trento che ha finanziato con 416mila euro un numero indicativo di 50 borse di studio destinate ai giovani trentini che vogliano impegnarsi in un soggiorno di studio all’estero.
Nel dettaglio, il Bando è rivolto agli studenti del secondo o terzo anno del secondo ciclo di istruzione che intendono frequentare un periodo annuale o parziale nei Paesi extra Unione europea in corrispondenza dell’anno scolastico 2020/2021.
Il Bando e la relativa modulistica sono scaricabili dal sito www.vivoscuola.it e dal sito www.modulistica.provincia.tn.it.
La domanda può essere presentata fino alle ore 12.45 di venerdì 6 dicembre.
DESTINATARI
Sono ammessi all’iniziativa gli studenti in possesso dei seguenti requisiti: frequentano nel corrente anno scolastico 2019/2020 le classi seconda o terza del secondo ciclo di istruzione in istituti scolastici italiani; hanno un’età non superiore ai 20 anni compiuti; sono residenti in Provincia di Trento; hanno conseguito, a livello di merito, nell’anno scolastico 2018/2019 la promozione alla classe successiva con al massimo un debito formativo il cui recupero deve essere documentato entro la data di presentazione della domanda di borsa di studio; appartengono, a livello di condizione economica, ad un nucleo familiare con indicatore ICEF 2019, risultante dalla “Domanda Unica” inferiore a 0,60.
L’assegnazione della borsa di studio è comunque vincolata al superamento dell’anno scolastico 2019/2020 senza voti negativi o debiti formativi.
DOVE
Il percorso d’istruzione all’estero deve essere svolto presso un’istituzione scolastica con sede in un Paese extra Unione europea. Per l’organizzazione del percorso scolastico lo studente può adottare modalità libere, quali, a titolo esemplificativo, l’adesione a proposte di mobilità studentesca promosse dall’istituzione scolastica di provenienza, l’iscrizione a programmi all’estero attuati da enti, associazioni, agenzie operanti nel settore della mobilità studentesca, la progettazione autonoma del percorso con ricerca personale della scuola estera e della soluzione di alloggio.
DURATA
La durata del percorso d’istruzione può essere annuale (minimo 240 giorni) o parziale (minimo 110 giorni). (focus\ aise) 

Newsletter
Archivi