TIRAMISÙ WORLD CUP

TIRAMISÙ WORLD CUP

ROMA – focus\aise - Inizia dalla "Capitale d’Europa" la sfida più golosa dell’anno. L’edizione 2019 della Tiramisù World Cup è stata presentata nei giorni scorsi a Ca’ Veneto, sede della Regione Veneto e di Unioncamere Veneto a Bruxelles. Nuove tappe di gara, nuovi partner e per i Campioni 2019 la partecipazione in Brasile alla terza edizione della "Settimana della Cucina Italiana", evento promosso dal Ministero degli Esteri in tutte le Ambasciate del Mondo.
La Tiramisù World Cup parte dunque da Bruxelles, lanciando le "European selections" che si terranno a metà ottobre presso il City2 Shopping Center (11 e 12 ottobre) e il gran finale di tappa all’Hilton Brussels Grand Place (14 ottobre).
Giunta alla sua terza edizione, anche quest’anno la TWC vedrà centinaia di appassionati chef, rigorosamente non-professionisti, sfidarsi nella preparazione del Tiramisù nella sua ricetta originale (savoiardi, mascarpone, uova, zucchero, caffè e cacao) o in quella creativa (con la possibilità di aggiungere fino a tre prodotti e di sostituire il biscotto).
Nell’autunno 2019, prima di approdare a Bruxelles, la TWC farà tappa anche in Friuli Venezia Giulia, a Villa Manin di Passariano (Udine), con una selezione di gara che si terrà il 21 e il 22 settembre. Nel primo fine settimana di novembre, poi, le selezioni si svolgeranno nella Marca trevigiana, con Grand Final, come oramai da tradizione, nel cuore di Treviso. Qui ci saranno anche i vincitori del concorso fotografico indetto dall’Ambasciata d’Italia a Pechino insieme al TWC che premierà il miglior scatto naturalmente ad un tiramisù.
"La TWC è un grande evento che non poteva avere una sede solo regionale, dato il livello internazionale che ha la parola Tiramisù", ha esordito alla presentazione di Bruxelles il presidente di Unioncamere Veneto e della Camera di Commercio di Treviso – Belluno|Dolomiti, Mario Pozza. "Una golosità che si pronuncia nello stesso modo in italiano, in tutto il mondo e che tutto il mondo conosce senza alcun dubbio di fraintendimento. Ecco che la sede di Unioncamere Veneto a Bruxelles è il luogo migliore per il lancio del concorso Tiramisù World Cup che vedrà tappe importanti in sedi prestigiose come l’Hilton Grand Palace e City2. Da parte del sistema camerale, già da subito, la sede di Treviso ha ospitato l’evento nelle sue prime edizioni registrando un’energia positiva e una ricerca dei gusti più raffinati e creativi che hanno ammagliato un pubblico vasto, e gratificato giurie d’eccezione alla ricerca di nuove edizioni del dolce della tradizione trevigiana".
"Felice di partecipare alla Tiramisù World Cup 2019 a Bruxelles, un evento d’eccellenza per la promozione del nostro Made in Italy in Belgio", si è detto Marco Iacuitto, segretario generale della Camera di Commercio Belgo-Italiana, a nome della stessa. "La nostra Camera di Commercio Belgo-Italiana supporta le aziende italiane tramite incontri B2B con buyer belgi, consulenza per l’internazionalizzazione e l’organizzazione di eventi di promozione del Made in Italy in Belgio. Tra l’altro dal 2018", ha ricordato Iacuitto, "la nostra Camera partecipa al progetto True Italian Taste, nell’ambito del programma The Extraordinary Italian Taste. Si tratta di un progetto tutto italiano nato per valorizzare e salvaguardare il prodotto agroalimentare autentico del Bel Paese. Il progetto è promosso e finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico e realizzato da Assocamerestero in collaborazione con 28 Camere di Commercio italiane all’estero (12 Europa, 9 Nafta, 7 Asia)". Iacuitto ha tenuto inoltre a sottolineare che "la nostra Camera di Commercio è riconosciuta dal Governo italiano ed è finanziariamente e giuridicamente autonoma. Le sue risorse provengono essenzialmente dal contributo dei suoi soci e dalle attività che svolge. Situata nel cuore di Bruxelles, vicino alle Istituzioni europee, la Camera di Commercio Belgo-Italiana è il punto di riferimento per tutte le aziende italiane che desiderano promuovere la propria attività e allargare la propria rete di contatti in Belgio".
Ha preso poi la parola Francesco Redi, amministratore delegato e fondatore di Twissen, organizzatore TWC 2019. "L’entusiasmo che si è creato in questi anni intorno al Tiramisù è enorme. Segnali importanti sono arrivati (e ancora arrivano!) anche dalla community, sempre più ampia e numerosa, che gravita intorno alla Tiramisù World Cup: questo ci riempie di orgoglio e ci stimola a fare sempre di più. Sull’onda di questa energia si è poi concretizzato il sogno di attivare una prestigiosa collaborazione in Brasile a Curitiba, Paraná. Lì i Campioni della TWC 2019 saranno ospiti e protagonisti della "Settimana della Cucina Italiana nel Mondo", che si terrà a novembre. Per questo, ringraziamo il console generale d’Italia a Curitiba, Raffaele Festa, e il presidente del Centro Europeu, Carlos Sandrini, per l’importante appoggio e collaborazione".
Infine per Lucio Gomiero, direttore generale di PromoTurismoFVG, "la terza edizione della Tiramisù World Cup 2019 diventa un esempio concreto del gemellaggio tra Friuli Venezia Giulia e Veneto. Il tiramisù gode di una tradizione fortissima che si radica in località come Tolmezzo (in Carnia) e Pieris (in provincia di Gorizia): entrambe si stanno muovendo insieme per valorizzare le opportunità turistiche connesse al dolce, con ristoranti che ripropongono le ricette originali e musei a tema. Nella tappa di Villa Manin, inoltre, non mancherà l’occasione per far conoscere al pubblico altri prodotti brand del Friuli Venezia Giulia, come i vini del Collio, il prosciutto di San Daniele e il formaggio Montasio". (focus\aise) 

Newsletter
Archivi