VOCI D’EUROPA

VOCI D’EUROPA

ROMA – focus/ aise – La mattina dell’8 gennaio il collegio dei Commissari europei si è riunito a Bruxelles per discutere della situazione creatasi in Iraq, Iran, Medio Oriente e Libia in seguito alle tensioni nella regione.
"La crisi in corso colpisce profondamente non soltanto la regione, ma tutti noi. Il ricorso alle armi deve finire subito per lasciare spazio al dialogo”, ha sostenuto la presidente della Commissione europea Ursula von der Leynen, a margine della riunione. “Dobbiamo fare tutto il possibile per rilanciare i negoziati, senza lasciare nulla di intentato. L’Unione europea a suo modo ha molto da offrire”, ha aggiunto la presidente. “Abbiamo stabilito e consolidato relazioni con molti soggetti nella regione e oltre per calmare le acque."
L’Alto rappresentante/Vicepresidente Josep Borrell, ha aggiunto: "gli sviluppi in Iran, in Iraq e nell'intera regione sono fonte di grande preoccupazione. I recenti attacchi missilistici in Iraq a basi aeree utilizzate dagli Stati Uniti e dalle forze di coalizione sono un altro esempio di escalation del conflitto: non è nell'interesse di nessuno alimentare ulteriormente la spirale di violenza". Nella stessa giornata ha parlato anche il presidente del Parlamento Europeo, David Sassoli:"Con il Presidente del Consiglio Nazionale e Primo ministro libico, Fayez Mustafa al Sarraj, abbiamo esaminato gli sviluppi della situazione in Libia. Ho rinnovato l’appello per uno stop immediato al conflitto militare che arreca soltanto lutti e sofferenze alla popolazione civile”. “La soluzione alla crisi – ha spiegato il presidente dell’europarlamento - non può essere militare, ma passa solo attraverso un processo politico inclusivo di tutte le componenti del paese, sotto l’egida delle Nazioni Unite e senza alcuna ingerenza esterna. L’UE – ha concluso Sassoli - è pronta a fare la sua parte nel favorire il dialogo fra tutti i principali attori, siamo impegnati a sostenere gli sforzi dell’Alto Rappresentante Josep Borrell per una soluzione pacifica in Libia nel quadro del processo di Berlino". (focus\ aise) 

Newsletter
Archivi