A GERUSALEMME OMAGGIO AL COMPOSITORE GIACINTO SCELSI

A GERUSALEMME OMAGGIO AL COMPOSITORE GIACINTO SCELSI

GERUSALEMME\ aise\ - La figura e l'opera del compositore italiano Giacinto Scelsi hanno avuto un forte impatto nella cultura musicale contemporanea. Sue influenze sono rintracciabili nella nascita dello Spettralismo francese, nella drone-music e nelle pratiche di deep-listening della scuola californiana. A tutt'oggi, la musica di Scelsi continua ad essere una fonte di ispirazione per compositori ed interpreti di tutto il mondo.
L'Ensemble Meitar, l'Accademia di Danza e Musica di Gerusalemme e l'Istituto Italiano di Cultura di Tel Aviv presentano un omaggio al compositore, articolato in una conferenza dedicata agli studenti dell'Accademia e del Master in interpretazione della musica contemporanea (Tedarim) e in un concerto pubblico, comprendente opere profondamente influenzate dall'estetica scelsiana.
L’evento si terrà il 1° aprile presso il Campus Givat Ram dell’Accademia di Danza e Musica di Gerusalemme e si aprirà alle ore 16.30 con la conferenza "L'interprete creativo e il compositore". Il violinista, violista e compositore Marco Fusi esaminerà il ruolo dello spartito, da diversi anni oggetto di discussione in vari ambiti della ricerca musicologica. Concetti quali fedeltà alla partitura, rispetto dell'intenzionalità del compositore, subordinazione dell'interprete al compositore, generalmente accettati e rispettati dagli interpreti della musica occidentale classica e moderna, appaiono insufficienti e inappropriati nel caso di Giacinto Scelsi, a causa della natura improvvisativa della sua prassi compositiva e della sua peculiare concezione del ruolo del compositore quale semplice mediatore.
Seguirà alle ore 17.30 il Concerto dello stesso Fusi che eseguirà L'Âme Ailée / L'Âme Ouverte (1973) di Giacinto Scelsi per violino solo, i Sei capricci per violino (1975/6) di Salvatore Sciarrino e L’Equilibrio. Cerchio (2014) per violino solo di Pierluigi Billone.
Marco Fusi è un appassionato sostenitore della musica del nostro tempo; numerose collaborazioni con giovani ed affermati compositori lo hanno portato a presentare al pubblico prime esecuzioni di Billone, Scelsi, Sciarrino, Cendo, Ferneyhough. Insegna Prassi Esecutiva della Musica da Camera Contemporanea presso il Conservatorio "G. Verdi" di Milano. (aise)


Newsletter
Archivi