A LONDRA TRA MAESTRI DEL LAVORO E INSIGNITI OMRI E OSI

A LONDRA TRA MAESTRI DEL LAVORO E INSIGNITI OMRI E OSI

ROMA – focus\aise\ - Si è tenuto di recente a Londra il secondo convegno internazionale dei Maestri del Lavoro all’Estero, cui ha portato il suo saluto il console generale Marco Villani intervenuto sul tema degli effetti della Brexit e sui servizi consolari.
All’iniziativa hanno partecipato tra gli altri, Mario Erba, console dei Maestri del Lavoro all’estero, il Maestro del Lavoro, Carmine Supino, presidente della sezione Gran Bretagna, l’avvocato Alessandro Gaglione, il presidente del Comites, Pietro Molle, il consigliere del Cgie, Luigi Billè, e la giornalista Francesca Marchese.
Il console generale, nel corso del suo intervento, si è anche soffermato sull’importante contributo offerto dalla Federazione dei maestri del lavoro. “Non è concepibile un moderno sviluppo delle nostre economia e società”, ha detto, “prescindendo dall’impegno produttivo dell’aspirazione e dell’attaccamento al lavoro e proprio in questo senso la stella al merito del lavoro conserva la sua funzione e il suo significato”.
Pochi giorni dopo l'ambasciatore Raffaele Trombetta ha consegnato a Giselda Bucca, Pietro Mattioni e Oliviero Vincenzo le Onorificenze dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana (OMRI) oppure dell'Ordine della Stella d'Italia (OSI), conferite dal presidente della Repubblica per alti meriti nella promozione delle relazioni anglo-italiane, rispettivamente in ambito scientifico, economico ed enogastronomico.
Giselda Bucca, insignita dell’onorificenza di Commendatore OMRI, ha trascorso 25 anni lavorando nel Regno Unito come ricercatrice nell'ambito scientifico. Nei suoi anni all'università del Surrey a Guildford, si è occupata di genomica e più precisamente degli studi sul genoma umano. Bucca ha condotto nel Regno Unito delle ricerche presso il Manchester Institute of Science and Technology e University of Surrey per poi passare all’University of Brighton Genomic Institute.
Pietro Mattioni, a cui è stata conferita l’onorificenza di “Ufficiale OSI”, ha assunto la guida del gruppo Campari nel Regno Unito, portandolo a risultati di straordinaria portata sul mercato britannico. Attraverso un costante impegno e un’intensa collaborazione con l’Ambasciata, il Consolato e tutti gli attori del Sistema Italia a Londra e nel Regno Unito, Mattioni ha fortemente contribuito alla promozione dell’Italia, della sua produzione di qualità, dei valori sottesi alla sua tradizione enogastronomica e culturale, in un mercato e in un contesto come quello del Regno Unito che, sia pure ricettivo, è estremamente maturo e competitivo. Con la sua azione, Mattioni ha decisivamente concorso ad elevare la percezione del nostro Paese.
Il celebrity chef italiano Vincenzo Olivieri, insignito dell’onorificenza di “Ufficiale OSI”, ha promosso l’enogastronomia italiana al massimo livello. Autore e ospite di vari programmi televisivi in Gran Bretagna, Enzo Oliveri è un vero e proprio ambasciatore della cucina italiana all’estero. Una delle sue grandi passioni è anche l’insegnamento che lo ha coinvolto in un progetto universitario a Londra e nell’apertura di una scuola di cucina a Bromley. Chef ufficiale per la squadra italiana di ciclismo e rappresentante dell’Italia alle Olimpiadi della Cucina in India, lo chef Olivieri si è affermato quale uno dei migliori ambasciatori della cucina siciliana e italiana in Gran Bretagna. (focus\aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi