AGROALIMENTARE: DALL’UZBEKISTAN A CREMONAFIERE PER CONOSCERE IL MODELLO ITALIANO

AGROALIMENTARE: DALL’UZBEKISTAN A CREMONAFIERE PER CONOSCERE IL MODELLO ITALIANO

CREMONA\ aise\ - L’eccellenza del modello produttivo agroalimentare italiano sotto la lente di ingrandimento ieri a CremonaFiere per una delegazione composta da sei membri di rappresentanza istituzionale provenienti dall’Uzbekistan. L’appuntamento è stato organizzato dalla Camera di Commercio Italo-Russa di Milano, che nelle Fiere Zootecniche Internazionali di Cremona ha individuato il punto di riferimento internazionale per l’intero settore.
La visita - che anticipa di tre mesi la nuova edizione delle Fiere (dal 23 al 26 ottobre 2019 a CremonaFiere) - si inserisce nell'ambito del progetto AGROCOMP – Value chain competitiveness of agro-business & food processing SMEs through sustainable development and eco-innovation in Uzbekistan and Kazakhstan. L'Uzbekistan, secondo uno studio diffuso dalla Farnesina e Diplomazia Economica Italiana, ha una struttura industriale che sta ponendo un forte accento sull'ammodernamento e sull'acquisizione di alta tecnologia. Per questo motivo, l'Italia ha ampi margini di miglioramento nell'interscambio commerciale, soprattutto nel settore agroalimentare.
La delegazione istituzionale uzbeka (che riuniva rappresentanti e membri della Chamber of Commerce and Industry of Uzbekistan, Tashkent - Business Monitoring Group, Namangan Region - Business Women Association of Uzbekistan, Tashken) era interessata in modo particolare ad approfondire alcuni aspetti del modello produttivo agroalimentare italiano: formazione professionale, tecnologie e innovazione, sicurezza alimentare. Il progetto AGROCOMP è progettato per permettere ai delegati di conoscere da vicino realtà italiane d’eccellenza e per favorire nuovi rapporti d’affari. I delegati presenti a CremonaFiere svolgono infatti attività di consulenza per lo sviluppo di piccole e medie imprese agroalimentari uzbeke.
A CremonaFiere la delegazione ha partecipato alla presentazione della Scuola Casearia di Pandino e di AITA - Associazione Italiana di Tecnologia Alimentare. La visita si è poi arricchita di ulteriori tappe in alcune aziende della provincia di Cremona: Latteria Soresina, azienda Agricola Quaini Giuseppe Castelverde Holstein, Fattorie Cremona - Produttori Latte Associati Cremona.
La visita si inserisce nell’ampio programma di attività di internazionalizzazione portate avanti per tutto l’anno dalle Fiere Zootecniche Internazionali di Cremona.
Oggi, in particolare, le Fiere Zootecniche verranno presentate alla stampa turca in una conferenza organizzata dalla Camera di Commercio Italiana di Izmir. Il 12 settembre, invece, alla Farnesina si terrà la conferenza di presentazione della manifestazione agli Ambasciatori Africani. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi