BOLOGNA MUSEI | MAMBO: SCELTE LE VINCITRICI DEL PROGRAMMA DI RESIDENZE ROSE

BOLOGNA\ aise\ - Si è conclusa la procedura di selezione internazionale promossa dall’Istituzione Bologna Musei | MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna per individuare i due artisti o collettivi di artisti nell’ambito dell’edizione 2020/2021 del Programma di Residenze ROSE / ROSE Residency Programme. Ad essere scelte sono state la britannica Helen Dowling (1982) e il collettivo italo-giapponese formato da Elisa Caldana & Aki Nagasaka (nate rispettivamente nel 1986 e nel 1980).
Le artiste avranno il compito di ideare e produrre un progetto espositivo per la sede di Villa delle Rose durante un soggiorno nella Residenza per artisti Sandra Natali, sede del Programma di Residenze ROSE.
Le proposte dovranno essere realizzate nel pieno rispetto degli elementi storico artistici che caratterizzano la sede espositiva, inoltre per ogni mostra è prevista la produzione di un catalogo bilingue italiano / inglese, in linea con il formato creato per le precedenti edizioni del programma.
A valutare le candidature è stata una commissione di esperti di arte contemporanea composta da Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d’Arte Moderna di Bologna; Giulia Pezzoli, curatrice del Programma di Residenze ROSE; Javier Hontoria, direttore del Museo Patio Herreriano di Valladolid, Spagna; Chiara Pergola, artista; Andrea Viliani, che ha appena concluso il suo incarico di direttore generale e artistico della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee / MADRE, Napoli e da gennaio 2020 sarà al Centro Ricerche del Castello di Rivoli.
Ben 73 le domande pervenute provenienti da 29 paesi: Argentina, Australia, Austria, Belgio, Brasile, Canada, Cina, Francia, Germania, Giappone, Grecia, Hong Kong, Gran Bretagna, Iraq, Israele, Italia, Norvegia, Romania, Russia, Serbia, Slovenia, Spagna, Stati Uniti, Sud Africa, Svezia, Tailandia, Taiwan, Turchia, Ucraina.
I criteri su cui si è basata la valutazione delle domande sono stati orientati alla valutazione dell’originalità del progetto artistico e della sua attinenza al contesto locale, del portfolio e del curriculum vitae degli artisti e della coerenza dei costi di realizzazione preventivati rispetto al progetto artistico presentato.
Helen Dowling
Helen Dowling, nata a Windsor, Inghilterra, nel 1982, vive e lavora a Delft, Paesi Bassi. Nel 2019 si è tenuta la sua prima mostra personale al GEM Museum voor Actuele Kunst a L'Aia. Ha partecipato a numerosi programmi di residenza internazionali e workshop tra cui il seminario di Oberhausen, in collaborazione con LUX, il seminario cinematografico Robert Flaherty, presso Via Farini, Milano, Fondazione Antonio Ratti, Como e un programma di residenza di due anni presso la Rijksakademie van beeldende kunsten, Amsterdam. Attualmente la sua ricerca video è supportata dalla Stimuleringsfonds, Fondazione olandese per l'industria creativa, e il suo lavoro è al momento visibile a Wiels, in Belgio, nella mostra Open Skies.
Elisa Caldana & Aki Nagasaka
Elisa Caldana, nata nel 1986 a Pordenone, vive e lavora ad Amsterdam, Paesi Bassi.
Aki Nagasaka è nata nel 1980 a Osaka, dove vive e lavora.
Entrambe si sono diplomate alla Städelschule Staatliche Hochschule für Bildende Künste, a Francoforte sul Meno. Le loro pratiche individuali si concentrano sull'indagine dei flussi sotterranei che sono alla base dei cambiamenti all'interno delle dinamiche sociali e li affrontano attraverso gli strumenti della ricerca e della narrazione. Elisa Caldana e Aki Nagasaka hanno avviato il loro progetto di ricerca Times of Crisis a Tokyo nel 2018, nell'ambito del Tokyo Arts and Space International Residency Program.
Avviato nel 2016, il Programma ROSE sta progressivamente entrando a far parte di un network sempre più ampio di operatori nazionali e internazionali che hanno tra i propri fini istituzionali il supporto e la valorizzazione delle espressioni più attuali della cultura contemporanea, attraverso il format della residenza d'artista. (aise)