"EQUITY AND DEBT INVESTMENTS IN ITALY”: SESTA EDIZIONE ALL’AMBASCIATA A LONDRA

"EQUITY AND DEBT INVESTMENTS IN ITALY”: SESTA EDIZIONE ALL’AMBASCIATA A LONDRA

LONDRA\ aise\ - Oltre 70 tra fondi di investimento e banche hanno partecipato ieri, 26 febbraio, al tradizionale appuntamento co-organizzato dall’Ambasciata d’Italia a Londra e lo studio Legale Legance dal titolo “Equity and Debt Investments in Italy”. Giunta alla sua sesta edizione, la conferenza è un’opportunità per aggiornare la comunità finanziaria della capitale britannica sull’andamento economico e le opportunità di investimento in Italia. Presenti ai lavori il Presidente di Confindustria Vincenzo Boccia, il Commissario Consob Carmine di Noia, il Vice Governatore di Banca d’Italia Fabio Panetta e il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Giancarlo Giorgetti.
Che l’Italia sia un paese sul quale puntare malgrado il difficile contesto economico internazionale è stato ricordato dall’Ambasciatore Raffaele Trombetta, che ha sottolineato come il nostro paese sia cresciuto negli indici internazionali di attrattività, soprattutto nel settore digitale, e di competitività, con molte nostre imprese all’avanguardia in molteplici comparti. Gli indici macroeconomici e dei flussi di investimento sono infatti tutti moderatamente positivi, ha enfatizzato il senior Partner di Legance Filippo Troisi nel suo intervento inziale. Lo stesso dicasi per la solidità del nostro sistema bancario e per l’andamento del mercato dei crediti deteriorati.
Boccia, di Noia e Panetta hanno illustrato i non pochi punti di forza del nostro sistema industriale e taluni dati positivi che emergono dagli indicatori economici, nonché la dinamicità di tantissime imprese italiane che continuano ad affermarsi internazionalmente.
Importantissimo il messaggio di fiducia dato agli investitori dal Sottosegretario Giorgetti nel suo intervento conclusivo. Il sistema finanziario italiano è solido, le eccellenze del nostro sistema manifatturiero numerose, la diversificazione settoriale del proprio valore aggiunto elevata. Tutti fattori spesso sottostimati. Il paese è impegnato in un serio investimento nel proprio futuro, tanto da farne una sorta di laboratorio economico nel contesto europeo. Tutti validi motivi, ha chiosato Giorgetti, per credere nell’Italia e investirvi. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi