LA SETTIMANA DELLE COMUNITÀ

LA SETTIMANA DELLE COMUNITÀ

ROMA – focus/ aise – È previsto per il 7 febbraio un nuovo appuntamento con RéCIF – l’associazione dei Ricercatori Italiani in Francia. Per quel giorno, infatti, l’associazione ha organizzato a L’Ecurie, (58 Rue de la Montagne Sainte Geneviève, 75005 Paris), un “apé-Récif” con cui inaugurare un anno ricco di eventi, scientifici ma non solo. “Venite a scoprirli in anteprima!”, si legge nell’invito. “Una nuova occasione per incontrare studenti e studentesse, ricercatori e ricercatrici italiani/e in Francia, fare due chiacchiere e scambiare idee in un’atmosfera conviviale”. Ci spostiamo di poco: La Fondazione Migrantes insieme alle Acli del Belgio e alla Filef Nuova Emigrazione Belgio, ha infatti organizzato la presentazione del Rapporto Italiani nel Mondo 2018, che si è tenuta sabato presso Rue des Déportés 1, a Charleroi.
I lavori sono stati introdotti dai saluti di Paul Magnette, Borgomastro di Charleroi, e David Michelut Console Generale d’Italia. È poi seguita la presentazione del rapporto i cui dati sono stati al centro del dibattito pomeridiano. Merita una citazione poi il fatto che Serenella Brigida Gargiulo, 29 anni, è la vincitrice della tradizionale sfida di enigmi matematici che il Guardian lancia a Capodanno. Si tratta di una delle più seguite sfide matematiche. Anche lo scorso anno vinse un italiano: l'ex sindaco di Udine e matematico Furio Honsell.
Infine, parlando di comunità non si può ignorare il successo che sta riscuotendo il libro “Grand Tour a volo d’Aquila” di Goffredo Palmerini. Tante le presentazioni in tutta Italia, per un libro che rende omaggio a una terra unica, i cui abitanti, negli anni, si sono spostati in tutto il mondo. Nel libro, per esempio, si parla di un Aquilano che vive a New York, che il 5 luglio 2017 ha festeggiato 18 lustri. Il suo nome è Mario Fratti. All’Aquila, il 5 luglio 2017, il giorno del suo novantesimo compleanno, toccato dall’emozione, ma con il grande sorriso aperto, disse:
“Sono felicissimo di essere tra la mia gente, nella mia città dove sono nato 90 anni fa. Mi sento amato e rispettato, forse per la mia cordialità e positività. Cerco di costruire un futuro migliore. Nelle mie opere, contrariamente a certi film o drammi teatrali dove non si capisce mai come finiscono, c’è sempre una conclusione positiva e chiara. Secondo me il dovere principale di un autore è proprio questo. Il sorriso mi ha aiutato tutta la vita a parlare con tutti. Rompe la diffidenza, aiuta a dialogare anche con chi ha un’avversione. Io credo nell’Uomo, nonostante l’uomo. Credo nell’uomo nonostante... La mia qualità è l’essere sempre ottimista e persistente. Quando parlo con i giovani, li invito ad essere persistenti. Anche quando si hanno sconfitte bisogna persistere, perché arriverà il momento del trionfo. Bisogna essere ottimisti, impegnarsi e le cose miglioreranno. Sono anche felice perché ho visto che L’Aquila sta rinascendo. L’Aquila rinascerà avremo una città molto più bella di prima”. (focus\ aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi