LE DEMOCRAZIE SI NUTRONO DEI SENTIMENTI DI UMANITÀ

LE DEMOCRAZIE SI NUTRONO DEI SENTIMENTI DI UMANITÀ

ROMA\ aise\ - “La disumana ferocia della strage alla stazione di Bologna è parte incancellabile della memoria del popolo italiano e della storia della Repubblica”. Così il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nell'anniversario della strage della stazione di Bologna, dove il 2 agosto 1980 una bomba esplose alla stazione uccidendo 85 persone e ferendone oltre 200.
“Il trentanovesimo anniversario dell’attentato terroristico ci richiama, anzitutto, a un rispettoso raccoglimento dinanzi alle vite crudelmente spezzate”, aggiunge Mattarella prima di ricordare che “le democrazie si nutrono dei sentimenti più profondi di umanità. È questa condivisione – sottolinea il Capo dello Stato – che ha consentito di unire le forze per sconfiggere la barbarie degli assassini, di fare prevalere il tessuto sociale che si voleva strappare, di cercare sempre e ostinatamente la verità, anche quando errori, colpevoli inerzie e ignobili complicità hanno ostacolato il percorso della giustizia”.
“Le istituzioni, grazie all’opera meritoria dei suoi uomini, sono riuscite a definire una verità giudiziaria, giungendo alla condanna degli esecutori e portando alla luce la matrice neofascista dei terroristi”, ricorda Mattarella, che poi precisa: “l’impegno profuso non è riuscito, tuttavia, a eliminare le zone d’ombra che persistono sugli ideatori dell’attentato. È una verità che dovrà essere interamente conquistata, per rendere completa l’affermazione della giustizia”.
Il Presidente invia infine il suo ringraziamento all’Associazione tra i familiari delle vittime della strage, “che continua nel proprio impegno di tener viva la memoria e promuovere, al tempo stesso, quelle energie civili, che tanto hanno contribuito alla affermazione dei principi di giustizia, in un impegno comune tra le istituzioni della Repubblica, la comunità di Bologna, l’intera società italiana”. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi