LE REGIONI SI PROMUOVONO

LE REGIONI SI PROMUOVONO

ROMA – focus/ aise – Il mondo del MICE (Meetings, Incentives, Conferences, Exhibitions) si è ritrovato in questi giorni a Barcellona, in occasione di IBTM World, dal 19 al 21 novembre, il principale evento globale per l'industria degli incontri, degli eventi e degli incentivi.
Pugliapromozione è stata presente con Enit e con dieci operatori pugliesi del Mice - Bari Convention Bureau, Chiriatti Tour, Apulia 2 Meet, Vivosa Apulia Resort, Borgo Egnazia, Nicolaus Tour, Grand Hotel Tiziano & dei Congressi, Greenblu Hotels & Resort, Hotel Excelsior Bari, The Nicolaus Hotel - per proporre la Puglia come sede ideale per eventi, congressi, conferenze e importanti appuntamenti aziendali. Per Pugliapromozione sono stati presenti Marilyna De Sario e Carmelo De Rosa.
"La Puglia si sta espandendo nel settore della business Industry che ogni anno in Europa muove oltre 150 miliardi di euro", ha spiegato il dirigente della Pianificazione strategica di Pugliapomozione, Luca Scandale, "e questo grazie a due fattori: una strategia ormai avviata di allineamento e sinergia tra pubblico e privato, volta a delineare una proposta congressuale e incentive di alta qualità in Puglia e l’affermazione del brand Puglia che, con lo sviluppo di nuovi collegamenti aerei, ha reso attrattiva la Puglia, ormai nell’immaginario degli organizzatori di eventi aziendali e nella wish list dei wedding planner".
"Dalla rilevazione effettuata da Federcongressi&eventi", continua Scandale, "emerge che nel 2018 il Nord vede diminuire il proprio peso percentuale sul totale nazionale dei congressi rispetto al 2017 (-2,6%) così come il Nord Est (-6,4%), e Centro (-4,1%) mentre nel Sud e nelle Isole i congressi e gli eventi aumentano (+3,2%), anche se rappresentano ancora solo l’11,9% del totale nazionale. Abbiamo quindi ampi margini di crescita in un Paese che comunque attira gli organizzatori del settore tanto che Enit ha annunciato proprio a Barcellona che destinerà il 30% del suo budget nel 2020 proprio al settore Mice".
IBTM WORLD è una delle fiere internazionali più importanti nel settore,0 organizzata da 32 anni. Con oltre 15.500 professionisti provenienti da tutto il mondo, 150 Paesi rappresentati e 3.000 marchi leader in mostra, IBTM si conferma essere un must per il settore. A IBTM sono presentate tutte le offerte di rilievo e le novità rivolte ad un pubblico specializzato di professionisti del mondo legati all’organizzazione congressuale. L’appuntamento fieristico offre, pertanto, un'impareggiabile opportunità a tutti gli operatori pugliesi del settore per incontrarsi, conoscersi e sviluppare relazioni commerciali, oltre che per tenersi aggiornati attraverso la partecipazione a seminari formativi e conferenze aperte ai partecipanti.
Il progetto “Calabria Valley” sbarca in Svizzera per la settimana della cucina italiana nel mondo. Educazione alimentare e cultura del gusto è stato il tema della quarta settimana della cucina italiana nel mondo, in programma fino a ieri.
Dieta Mediterranea, itinerari enogastronomici e turistici regionali, riscoperta dei borghi italiani e dei prodotti culinari tipici, l’internazionalizzazione dell’offerta formativa italiana nel settore della cucina e dell’ospitalità i temi al centro della Settimana, molto vicini e connaturati alla identità territoriale calabrese.
Nell’ambito, dunque, di queste iniziative si colloca l’evento svolto lunedì scorso, 18 novembre, nella sede del Consolato generale a Zurigo e realizzato dalla Regione in cooperazione con la Camera di Commercio italiana per la Svizzera nell’ambito del progetto "Calabria Valley, specialità e territorio", a cui hanno preso parte il Console generale d’Italia a Zurigo Giulio Alaimo, Gina Aquino dirigente del settore internazionalizzazione della Regione Calabria, Fabrizio Macri, segretario generale della Camera di Commercio italiana per la Svizzera oltre che rappresentati del mondo imprenditoriale svizzero.
Nel corso dell’evento si è svolto anche un blending tasting tra prodotti calabresi e prodotti italian sounding. Tra i partecipanti che hanno correttamente individuato i prodotti calabresi autentici sono stati sorteggiati tre cesti di prodotti agroalimentari.
L’incontro si è concluso con una degustazione, molto apprezzata, di prodotti enogastronomici delle aziende calabresi selezionate nell’ambito del progetto finanziato dalla Regione Calabria e rientrante nella strategia di internazionalizzazione che caratterizza il governo del Presidente Mario Oliverio per lo sviluppo dell'export, del turismo, dell'innovazione tecnologica e per l'attrazione degli investimenti. Tappa promozionale nell’Europa dell’est per l’offerta turistica dell’Emilia Romagna. Dal 21 al 23 novembre, undici operatori turistici regionali sono stati presenti alla rassegna “TT Warsaw” e hanno trovato ospitalità in uno stand coordinato da Apt Servizi Emilia Romagna, collocato nell’area Enit.
Il turismo emiliano romagnolo ha riscontri positivi dal mercato turistico polacco, come dimostrano i dati dei primi nove mesi del 2019.
Secondo i dati elaborati dal Servizio Statistica della Regione Emilia Romagna, da gennaio a settembre 2019 gli arrivi dalla Polonia sono aumentati del 9% e le presenze si sono incrementate del 14,8% (raggiungendo rispettivamente quota 111.555 e 475.395).
Questo anche perché l’Emilia Romagna è ben collegata a livello aereo con la Polonia. L’anno scorso l’Aeroporto “Marconi di Bologna” ha raggiunto i 194.023 di passeggeri da e per la Polonia (+0,3% rispetto al 2017). Lo scalo Bolognese, durante la settimana, ha voli Ryanair (per Breslavia, Cracovia, Katowice, Varsavia-Modlin) e Wizz Air (per Katowice). La prossima estate la compagnia aerea Wizz Air collegherà anche Varsavia-Chopin (due volte alla settimana dal 2 giugno) e Cracovia (tre volte alla settimana dal 2 agosto) con Bologna.
All’aeroporto “Fellini” di Rimini, durante la scorsa estate, Ryanair ha garantito due voli settimanali con Varsavia e Cracovia per un totale di 34.851 passeggeri trasportati da e per la Polonia (+72,8% rispetto al 2018). A questi passeggeri, sempre al “Fellini”, ne vanno aggiunti altri 5.051 che hanno volato con i charter settimanali da Varsavia delle compagnie aeree Travel Service, Enter Air, Smart Wings.
Ryanair ha confermato, anche per l’estate 2020, i voli settimanali da Cracovia (2) e Varsavia (2) per Rimini, con un prolungamento dell’operatività fino a ottobre.
Tra le novità 2020 nello scalo Riminese c’è da segnalare la richiesta, da parte della compagnia di bandiera polacca LOT, di realizzare 16 voli da Varsavia. I gestori dell’aeroporto di Rimini ipotizzano che questa novità, assieme all’incremento di passeggeri per l’aumento dei voli Ryanair, porterà nel 2020 a un totale di 50.000 passeggeri da e per la Polonia.
“Aumentare la quota del mercato europeo, in particolare puntando su promozione e commercializzazione dell’offerta diretta ai Paesi dell’Est - commenta l’Assessore Regionale al Turismo, Andrea Corsini - è stata la grande scommessa di questa Giunta Regionale. Investire in competitività del territorio e sulla internazionalizzazione della destinazione regionale nel suo complesso - prosegue - sarà la priorità, anche nei prossimi anni, per puntare ad un ulteriore aumento del peso del turismo sul sistema produttivo dell’Emilia Romagna, oggi prima regione per crescita economica a livello nazionale”.
Gli operatori presenti alla Fiera di Varsavia provenivano dal Riminese (Amisano), Ravennate (Camping & Natura Villages, Mirabilandia, Ravenna Incoming Convention & Visitors Bureau, Terme Beach Resort-Ravenna, Cervia Turismo), Forlivese (Cesenatico Camping Village), Ferrarese (I Tre Moschettieri Camping Village, VisitComacchio-Po Delta Park Riviera), Modenese (Modena Incoming). (focus\ aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi