L’ITALIANO PER TUTTI I GUSTI

L’ITALIANO PER TUTTI I GUSTI

ROMA – focus\aise\ - L’insegnamento della lingua italiana avviene ormai puntando ogni sfaccettatura del tanto apprezzato stile di vita italiano: dalla cultura al made in Italy alla cucina.
Nasce così a Varsavia il ciclo "A lezione d'italiano cinematografico": ogni giovedì l’Istituto Italiano di Cultura proietta una pellicola a scopo didattico oltre che di svago. Il prossimo appuntamento, giovedì 24 gennaio alle ore 18.00, sarà con "La prima volta di mia figlia" (2015), film di e con Riccardo Rossi, affiancato sul set dagli attori Anna Foglietta, Fabrizia Sacchi, Stefano Fresi e Benedetta Gargari. Alberto è un medico della mutua, maniaco dell’ordine, separato da dieci anni e totalmente dedito alla figlia quindicenne, Bianca. Un giorno uguale a tutti gli altri della sua vita arriva un fulmine a ciel sereno: legge di nascosto sul diario di Bianca che la sua bambina sta per fare l’amore per la prima volta! Alberto è nel panico e, deciso a combattere per non far accadere il "fattaccio" o quantomeno a far capire a sua figlia come "dovrebbe essere fatto", organizza una cena con la sua più cara amica Marina, ginecologa al consultorio. Al tavolo si aggiungono, indesiderati e inaspettati, Giovanni, l’inopportuno marito di Marina, ed Irene, una psicologa collega di Alberto che lui detesta, perché è il suo esatto contrario.
Punta sulla poesia l’Istituto Italiano di Cultura di Monaco, in Baviera, che il 14 gennaio ha avviato il nuovo corso "Le parole emozionali attraverso la poesia". Organizzato in collaborazione con Forum Italia, il corso è tenuto da Anna Russo e si svilupperà in quattro incontri – ogni lunedì dalle 18.00 alle 19.30 – fino al 4 febbraio. Il corso si propone di sensibilizzare e avvicinare i partecipanti al lessico emotivo e affettivo, per comprendere le sfumature di un'emozione e fornire termini utili alla descrizione dei propri stati d'animo. Prendendo spunto da un tema psicologicamente rilevante (l'amore, l'amicizia, la natura ecc.), gli allievi avranno modo di confrontarsi con la poesia italiana contemporanea, di riflettere sulle peculiarità del suo linguaggio e sulle sue valenze introspettive, evocative, espressive. In un clima sereno e senza forzature l'alunno-autore-lettore impegnerà a fondo la propria inventiva. Tramite esperimenti di scrittura creativa imparerà a non temere le parole emozionali, ma a padroneggiarle e a farle proprie.
Ha debuttato il 16 gennaio con Dante il nuovo ciclo lezioni del club di conversazione "Parliamo italiano" organizzato dall’Istituto Italiano di Cultura di Mosca. Il club, a cura di Barbara Iabichella, coordinatrice e insegnante dei corsi di lingua italiana presso l’Istituto, è organizzato dall’Istituto Italiano di Cultura in collaborazione con la libreria "Moskva" che ospiterà tute le lezioni, due volte al mese, il mercoledì. L’ingresso è libero. Dopo ogni lezione si potrà fare un breve test per verificare il livello delle proprie conoscenze linguistiche. Al primo appuntamento su "Dante, il sommo poeta" seguiranno le lezioni del 6 febbraio sul "Design italiano", 27 febbraio su "Cinema: l'Italia sul grande schermo", 13 marzo su "La lingua italiana: com'è nata, come si è evoluta" e il 27 marzo con l’incontro "Stessa spiaggia, stesso mare: gli italiani in vacanza". (focus\aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi