LUCANI NEL MONDO: TICCHIO (SVIZZERA) SCRIVE A BARDI E CICALA

ZURIGO\ aise\ - “Come Federazione delle Associazioni Lucane in Svizzera nell’ultima riunione di Federazione svoltasi sabato 14 settembre 2019, abbiamo focalizzato che, a tale data, le Istituzioni regionali preposte non hanno ancora preso in considerazione il varo del programma annuale e la posta in bilancio della Commissione Regionale dei Lucani all’estero. Signori presidenti Bardi, Cicala e signori Consiglieri regionali, preso atto della convocazione della riunione straordinaria del Consiglio regionale di martedi 24 settembre 2019, non mi sembra che all’ordine del giorno siano in discussione le nostre richieste come Lucani all’estero”. Così scrive Giuseppe Ticchio, membro del Direttivo della Federazione Lucani in Svizzera, Giuseppe Ticchio, in una lettera indirizzata ai Presidenti della Giunta e del Consiglio della Regione Basilicata, sollecita l'approvazione in Consiglio regionale del programma della Commissione regionale dei Lucani all’estero approvato nella riunione annuale di fine febbraio 2019.
“Dopo questa premessa – continua Ticchio - mi rivolgo a Voi tutti, sapendo di interpretare lo stato d’animo anche di altre Federazioni Lucane nel mondo, per sollecitare in virtù del Vostro ruolo Istituzionale a provvedere all’approvazione, quanto prima, della variazione di bilancio ed il programma annuale, che è stato varato ed approvato in sede di riunione annuale della Commissione Regionale dei Lucani all’estero svoltasi il 25 e26 febbraio 2019 a Potenza e Matera. Purtroppo, ad oggi, il tutto non può essere ancora operativo, con un aggravio economico e di responsabilità personali, da parte dei responsabili di Federazioni e Associazioni, visto che, per mantenere gli impegni presi per l’anno in corso, abbiamo anticipato le nostre risorse, altre ne dovremo anticipare entro fa fine del 2019, per impegni da rispettare”.
“I tempi sono maturi – sottolinea Ticchio - perché la nostra sollecitazione abbia un seguito se non si vuole rischiare di non poter tenere più in vita le nostre Federazioni e Associazioni. Di questo passo, il pericolo dietro l’angolo è, infatti, la chiusura di molte di esse, e non credo che dai Vostri autorevoli ruoli auspichiate o desideriate la fine dell’Associazionismo Lucano nel mondo. Dopo che abbiamo dato tanto in immagine e in contributi alla nostra Regione – afferma Ticchio - è il caso di accogliere questo nostro appello visto che, in passato, nel mondo erano in pochi a conoscere la nostra regione, mentre ora é diventata un’icona internazionale grazie, anche, al nostro impegno e al grande evento di Matera, Basilicata Capitale europea della cultura 2019”.
“Gli investimenti fatti su di noi da chi Vi ha preceduti, nel consegnarci gli attestati di Ambasciatori Lucani nell Mondo, hanno portato i loro frutti, ora con il Vostro aiuto dobbiamo solo raccoglierli”, aggiunge Ticchio. “Quindi, signori presidenti Bardi e Cicala e signori Consiglieri regionali è necessario dare corso celermente al finanziamento ed al varo del programma stabilito nella riunione di febbraio 2019, per evitare di fermare tutto definitivamente. Mi affido e ci affidiamo alla Vostra saggezza ed alla Vostra volontà – conclude Ticchio - di non distruggere un patrimonio, quale è quello dei Lucani all’estero, messo in piedi dai nostri predecessori, in Svizzera a partire dagli anni ‘60. Vi chiedo e chiediamo di fare presto”. (aise)