RISTORANTI ITALIANI ALL’ESTERO: ACCOLTO L’ODG DI FANTETTI (FI)

RISTORANTI ITALIANI ALL’ESTERO: ACCOLTO L’ODG DI FANTETTI (FI)

ROMA\ aise\ - “Sono estremamente soddisfatto dell’approvazione dell’Ordine del giorno relativo alla mia storica battaglia per il riconoscimento della ristorazione italiana all’estero e la conseguente tutela e promozione della originale tradizione eno-gastronomica del nostro Paese, anche per combattere efficacemente il devastante fenomeno del cosiddetto “Italian sounding”. Così il senatore Raffaele Fantetti, eletto con Forza Italia in Europa, commenta l’approvazione di un suo ordine del giorno nell’ambito dell’esame della Legge di delegazione europea 2018, nei giorni scorsi in Aula.
“Come detto nell’Aula al Senato, - aggiunge il senatore – ritengo questo voto favorevole se non prodromico, almeno di buon auspicio, per la prossima introduzione nella legislazione nazionale di un riconoscimento istituzionale esteso a tutto il mondo, così come previsto da un emendamento già presentato nella scorsa legge di bilancio ed auspicabilmente da approvare nella prossima”.
Il testo dell’odg.
“Il Senato,
in sede di esame del disegno di legge A.S. 944 recante delega al Governo per il recepimento delle direttive europee e l'attuazione di altri atti dell'Unione europea - Legge di delegazione europea 2018,
considerato che:
la valorizzazione delle tradizioni enogastronomiche, dello stile alimentare, delle produzioni agroalimentari ed industriali italiane, nonché il contrasto dei fenomeni di contraffazione e sfruttamento del richiamo all'italianità (cosiddetto "Italian Sounding") sono azioni non più prorogabili per garantire la tutela di molte aziende italiane che operano nel campo della ristorazione e fanno del "Made in Italy" il loro core business;
salvaguardare la rete degli esercizi della vera ristorazione italiana in Europa attraverso un riconoscimento giuridico dei ristoranti italiani all'estero consentirebbe a centinaia di imprese di operare nel mercato vedendo tutelate le ricette ed i prodotti italiani ufficialmente riconosciuti dall'UE come i prodotti DOP, DOC, DOCG e IGT;
sarebbe opportuno, al fine di tutelare migliaia di esercizi pubblici all'estero che offrono prodotti distintivi della nostra cultura enogastronomica, istituire presso il Ministero delle politiche agricole, alimentari, forestali e del turismo (MiPAAFT) un Comitato per la tutela e la promozione della ristorazione italiana all'estero nel quale prendessero parte alti rappresentanti dei Ministeri, dell'Istituto nazionale per il commercio con l'estero, dell'Unione italiana delle camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura, della Federazione italiana pubblici esercizi, dell'Associazione delle camere di commercio italiane all'estero, dell'Ente nazionale italiano per il turismo e della Conferenza unificata Stato-Regioni,
impegna il Governo:
a valutare l'opportunità di istituire presso il Ministero delle politiche agricole, alimentari, forestali e del turismo (MiPAAFT), un Comitato per la tutela e la promozione della ristorazione italiana all'estero;
a valutare l'opportunità di definire, attraverso un intervento normativo e compatibilmente con quanto previsto dalle norme comunitarie, un riconoscimento giuridico del "ristorante italiano nel Mondo - Europa"”. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi