RIUNIONE DI COORDINAMENTO CON I CONSOLI ONORARI IN NORVEGIA

RIUNIONE DI COORDINAMENTO CON I CONSOLI ONORARI IN NORVEGIA

OSLO\ aise\ - Riprendendo una consuetudine da tempo interrotta, si è svolta martedì, 19 marzo, a Oslo una riunione con i Consoli onorari italiani operanti in Norvegia, convocata dall’Ambasciata per confrontarsi e coordinarsi sui temi più frequenti dell’attività consolare.
Due fattori che rendono molto importante oggi la collaborazione degli uffici onorari: da un lato, il costante aumento negli ultimi anni della consistenza della comunità italiana residente in Norvegia (ad oggi pari a 6.894 iscritti Aire ed effettivamente stimata in circa 10.000 unità), cui vanno aggiunti i 413 connazionali residenti in Islanda; dall’altro, la rilevante crescita del flusso di turisti italiani sia in Norvegia, ove ha raggiunto nel 2018 le 250.000 presenze (concentrate soprattutto nell’arcipelago delle Lofoten e nella regione nordica di Troms-Finnmark), sia in Islanda, divenuta da tempo meta privilegiata anche dai nostri connazionali.
Ai nostri consoli onorari in Norvegia è stata evidenziata l’opportunità di rafforzare il lavoro comune su due tematiche principali. In primo luogo l’intensificazione dei rapporti e del "networking" con l’Ambasciata su alcuni volet essenziali quali lo scambio di informazioni, soprattutto di natura operativa, sulle procedure più richieste dai connazionali; la comunicazione, con l’ipotesi di dedicare una pagina web del sito dell’Ambasciata alle attività della rete consolare onoraria; una più dettagliata definizione delle competenze ad essi assegnate; una maggiore regolarità degli incontri con l’Ambasciata.
In secondo luogo, l’ulteriore miglioramento dell’assistenza e dei servizi ai connazionali grazie ad alcune proposte operative tra cui figurano: l’affinamento delle procedure di emergenza, con riferimento non solo ai numeri/recapiti di reperibilità ma anche alle modalità di emanazione di documenti provvisori; una più ampia individuazione di operatori e professionisti di maggiore utilità per i nostri connazionali (interpreti/traduttori, avvocati); l’estensione dell’apertura al pubblico degli uffici onorari, da prevedere almeno una volta a settimana; affinamento delle procedure per la consegna delle carte d’identità; il miglioramento delle attività svolte nel campo dell’assistenza marittima, tenuto anche conto dell’ampliamento temporale della stagione in cui transitano in Norvegia navi di bandiera italiana. (aise)


Newsletter
Archivi