#STAVOLTAVOTO: IL PRESIDENTE TAJANI INCONTRA A BRUXELLES GLI ALUMNI DELLE UNIVERSITÀ ITALIANE

#STAVOLTAVOTO: IL PRESIDENTE TAJANI INCONTRA A BRUXELLES GLI ALUMNI DELLE UNIVERSITÀ ITALIANE

BRUXELLES\ aise\ - Elezioni europee 2019, giovani e futuro dell’Unione europea. Saranno questi gli argomenti che verranno trattati oggi pomeriggio all’evento organizzato dai Chapter di Bruxelles degli Alumni delle Università italiane presso lo spazio “Science14”.
Per l’occasione è stato invitato il Presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani che sarà intervistato da Enrico Brivio portavoce della Commissione europea.
“I giovani andranno a votare per scegliere i rappresentanti del Parlamento europeo e mi auguro che saranno tantissimi coloro che scelgano di essere i protagonisti della scelta politica”, spiega Tajani. “La politica non è qualcosa di negativo, è un servizio che ha l’obiettivo di avere un’Unione Europea democratica e più vicina ai cittadini”.
Non a caso, quest’anno i cittadini europei sono stati informati tramite i social network. A 100 giorni dalle elezioni che vedranno alle urne 400 milioni di persone, la campagna lanciata dal Parlamento europeo in collaborazione con la Commissione europea, #thistimeimvoting sta ottenendo un grande successo.
A confermarlo sono i numeri. Dopo due mesi si è arrivati a 76 mila iscritti in tutta Europa di cui 9 mila italiani secondi solo ai tedeschi. I partner ufficiali sono 38 e 125 mila sono le istituzioni, associazioni e network locali che hanno permesso l’effetto moltiplicatore. Non un semplice slogan, dunque, ma un vero e proprio passaparola. In questo modo ci si impegna non solo a votare, ma anche a coinvolgere amici, parenti e conoscenti.
“I giovani sono il nostro presente e futuro - continua il Presidente - Loro potranno scegliere i loro rappresentanti, giudicarli e caso mai mandarli a casa se non hanno lavorato bene durante i 5 anni della legislatura. Ma chi è assente ha sempre torto, i giovani non possono non avere ragione ecco perché è giusto che vadano a votare”. Tante sono le sfide che l’Unione Europa si trova ad affrontare, tra le più importanti: innovazione, giovani ed ambiente. In tutti e tre i settori sono stati innalzati i livelli di finanziamento nel nuovo quadro pluriennale 2021-2027.
Ma questo non basta, “la produzione di elettronica moderna richiede l'utilizzo di risorse scarse e costose (ad es. circa il 10% dell'oro totale in tutto il mondo viene utilizzato per la loro produzione), quindi riciclarle ha vantaggi evidenti - sottolinea Enrico Brivio, portavoce della Commissione europea - quanto più prezioso è il nostro spreco a causa delle pressioni sulle nostre risorse, tanto più avremo bisogno delle tecnologie e dell'innovazione per rimetterlo nell'economia invece di seppellirlo o bruciarlo”.
In definitiva da queste elezioni ci si aspetta un’Europa sempre più unita, integrata e green. Questo dipende da noi cittadini europei, quindi #stavoltavoto. (rita pia prota\aise) 

Newsletter
Archivi