UN CONSOLATO IN PIENA ATTIVITÀ: IL NUOVO MESSAGGIO DELLA CONSOLE GATTO AI CONNAZIONALI RESIDENTI A PARIGI

UN CONSOLATO IN PIENA ATTIVITÀ: IL NUOVO MESSAGGIO DELLA CONSOLE GATTO AI CONNAZIONALI RESIDENTI A PARIGI

PARIGI\ aise\ - “Cari Connazionali, i mesi appena trascorsi sono stati davvero densi di attività. Con la conclusione delle elezioni europee si è chiuso anche un periodo estremamente impegnativo per tutta la squadra del Consolato, che ha dato prova di dedizione straordinaria. È stata un’enorme soddisfazione notare come la partecipazione al voto nella circoscrizione consolare sia aumentata rispetto agli anni scorsi. È mio augurio che tale andamento continui ad accrescersi negli anni a seguire, dal momento che l’esercizio del diritto di voto è espressione per eccellenza di cittadinanza e democrazia”. Inizia così il messaggio che la Console generale d’Italia a Parigi Emilia Gatto indirizza ai connazionali residenti nella circoscrizione per metterli a parte delle novità e degli appuntamenti in programma, ma anche per fare il punto su quanto realizzato negli ultimi due mesi.
Ne riportiamo di seguito la versione integrale.
“Questo bel risultato, però, non sarebbe stato possibile senza l’aiuto dei tanti connazionali che, dimostrando un alto senso dello Stato, si sono generosamente resi disponibili per far funzionare la complessa macchina logistica-organizzativa delle elezioni. Un apprezzamento del tutto particolare va quindi ai nostri Presidenti e ai nostri Scrutatori di seggio, che, non risparmiandosi, hanno saputo portare a termine in maniera eccellente un compito tanto gravoso quanto delicato e sostanziale. Grazie infinite a tutti!
Recentemente si è svolta la Festa Nazionale della Repubblica italiana, che mi auguro abbiate trascorso lietamente. Per noi del Consolato è stata una giornata molto significativa. Abbiamo festeggiato i 73 anni della nostra cara Repubblica presso l’Ambasciata, gentilmente accolti dall’ambasciatrice Teresa Castaldo assieme a tanti amici francesi e numerosissimi esponenti della grande e dinamica collettività italiana di Parigi. E come ogni anno, finanche a Kourou, nella Guyana francese, e a Noumea, in Nuova Caledonia, si è celebrato l’anniversario della nascita della nostra Repubblica su iniziativa dei nostri Vice Consoli Onorari Giorgio Cappa e Riccardo Baroni.
Alla Festa Nazionale abbiamo avuto l’opportunità di presentare il primo frutto dello sforzo condiviso del progetto editoriale “L’Italia del Père-Lachaise. Vies extraordinaires des Italiens de France et des Français d’Italie”, promosso congiuntamente dal Comites (Comitato degli Italiani eletti all’Estero) e da questo Consolato Generale: una mappa inedita dedicata agli straordinari italiani di nazionalità, di origine o di cuore ivi sepolti che rappresentano il profondo legame storico e culturale tra i popoli italiano e francese. Ad essa farà presto seguito un’applicazione gratuita per smartphone offerta gentilmente dall’impresa Teria, che è riuscita a geolocalizzare precisamente (e vi assicuro non è compito facile!) tutti i nostri illustri. È inoltre in stampa una guida turistica, cui seguirà infine, dopo la pausa estiva, la pubblicazione di una grande antologia illustrata, cui partecipano 120 autori a titolo volontario. Nel quadro delle attività per il progetto, oltre all’ultima passeggiata guidata della stagione, un significativo evento di raccolta fondi si è tenuto presso i nostri locali con uno spettacolo dell’attore Pierre Santini, figlio del pittore e nostro personaggio illustre Pio Santini. Era presente anche il comico Pascal Legitimus e la sorella del cantante Georges Moustaki, anch’egli uno dei tanti protagonisti del Progetto.
Il mese scorso abbiamo ospitato un incontro con gli avvocati italiani e italofoni che esercitano nella regione parigina. Uno dei principali obiettivi era quello di presentare il CAP Paris - Coordinamento delle Associazioni di Professionisti Italiani a Parigi nato su iniziativa congiunta del Comites e del Consolato, con l’obiettivo di aggregare gli italiani che si sono trasferiti in Ile-de-France per motivi lavorativi al fine di accrescerne la visibilità in ambito professionale, scientifico e culturale. Alcuni giorni fa il Consolato ha avuto il piacere di ospitarne la prima Assemblea Generale. Sono stata lieta di constatare come alcuni importanti progetti siano stati votati, tra cui un grande raduno di fine anno/inizio 2020 di tutti i membri delle Associazioni partecipanti, anche come occasione di presentazione “in società” di questa importante realtà. Si è inoltre parlato di avviare l’iniziativa di mappatura degli italiani e francesi di origine italiana che detengono cariche elettive nei Consigli municipali parigini e dell’Ile-de-France, e che spesso sono discendenti dell’emigrazione tradizionale. Un altro grande motivo di soddisfazione è stato constatare come sempre più le Associazioni appartenenti al CAP Paris si coordinino nel promuovere iniziative, come avvenuto recentemente per una interessante Conferenza sull’intelligenza artificiale, congiuntamente realizzata al Palais Brogniart da IEP – Italian Executives in Paris – e l’Associazione degli ex allievi del Politecnico di Torino. Dal loro canto, l’Associazione Laureati Luiss e il circolo franco italiano di Sciences Po sono stati interessati al grande sforzo organizzativo che ha visto per mesi le due Università lavorare per la realizzazione di un incontro di alto livello sulle relazioni tra l’Italia e la Francia in Europa che ha avuto luogo la settimana scorsa nell’ateneo parigino.
Procedono le riunioni del Comitato direttivo incaricato di organizzare la “4 Settimana della cucina italiana nel mondo” che si terrà dal 18 al 24 novembre 2019. Come nelle precedenti edizioni, la manifestazione intende promuovere l’eccellenza enogastronomica italiana, rivolgendo quest’anno una particolare attenzione al tema dell’educazione alimentare e della cultura del gusto. Tra le tante iniziative attualmente in fase di programmazione, vorrei segnalarvi che da quest’anno il programma non si concentrerà solo su Parigi, ma vedrà iniziative anche in altre località della nostra circoscrizione consolare quali Lilla, Tours, Digione e Orléans.
Numerosi sono stati gli eventi promossi dal Comites che hanno avuto luogo in Consolato. Ad inizio maggio si è tenuta la 4° edizione del Networking Professionale, con l’obiettivo di mettere in sinergia vecchie e nuove immigrazioni di lavoratori italiani nella regione parigina per offrire loro proficue occasioni di scambio e collaborazione, oltre che favorire l’occupazione dei nuovi arrivati. Su proposta del Comites, il Consolato ha ospitato anche una tavola rotonda sulle tematiche della mobilità, della famiglia e dell’espatrio.
In collegamento con la Festa della Donna, abbiamo ospitato in Consolato un evento organizzato dall’associazione Led by Her, con la partecipazione della sua Presidente, una giovane italiana d’eccezione, Chiara Condi, che meritoriamente aiuta le donne che si trovano in difficoltà o che hanno subito violenza fisica o morale, a ricostruirsi e a diventare economicamente indipendenti.
Tra le iniziative di rilievo dedicate alla collettività italiana, la settimana scorsa si è tenuto il Forum delle Associazioni Italiane, un importante appuntamento organizzato come ogni anno da “Italia in Rete” grazie al dinamismo e alla dedizione della sua Presidente Patrizia Molteni. Anche questa edizione si è svolta nel parvis della Mairie del IV arrondissement, alla presenza del Sindaco Ariel Weil, a testimonianza dell’attenzione con la quale le autorità francesi guardano alla nostra collettività. Oggi (ieri- ndr) si inaugura nel XIII arrondissement la tradizionale Settimana Italiana, festival di amicizia che è giunto ormai alla sua diciannovesima edizione grazie all’energia positiva di Jacqueline Zana Victor, che per il suo lungo impegno a beneficio della collaborazione culturale italo-francese ha recentemente ricevuto il riconoscimento della Medaille Grand Vermeil de la Ville de Paris.
Numerose sono state, come di consueto, le attività dedicate alla popolazione studentesca della rete italiana della circoscrizione: la premiazione dei migliori cortometraggi realizzati in italiano per il concorso “Sotto 18” promosso dalla città di Torino con la collaborazione dell’Istituto Italiano di Cultura di Parigi; lo spettacolo Erasmus plus organizzato alla Sorbona con il contributo dell’ufficio scolastico del Consolato. Gli stessi studenti che hanno qui avuto l’onore di partecipare allo storico incontro del 2 maggio 2019 tra il nostro Presidente Sergio Mattarella e il Presidente francese Emmanuel Macron.
Continuo inoltre a presenziare in occasioni che ritengo importanti per la memoria o per conoscere importanti realtà d’insediamento italiano nell’Ile-de-France. A Nogent sur Marne, su invito del dinamico Circolo italo-francese Leonardo da Vinci, ho assistito ad uno splendido spettacolo sui Ritals. Si tratta, come sapete, di un appellativo ai tempi non lusinghiero per indicare i nostri connazionali, quando ancora – come è viceversa adesso – l’immigrazione italiana in Francia non era percepita come modello di immigrazione. Ormai le cose sono da tempo cambiate, nel tempo i nostri connazionali hanno saputo, con il loro lavoro, guadagnarsi stima e rispetto in Francia, come dimostrano oggi numerose pubblicazioni a noi dedicate. Dopo lo speciale di “Historia” di alcuni mesi fa, titolato “Les italiens qui ont fait la France”, un altro mensile di livello, “L’Histoire”, presenterà il mese prossimo un numero fuori abbonamento su “Le Génie italien”, che vi invito a leggere quando apparirà in edicola.
Accompagnata dal Presidente della Fondazione Circolo Fratelli Rosselli Valdo Spini e accolta dal Sindaco Olivier Petitjean, non ho voluto perdere la commemorazione annuale di Bagnoles de l’Orne, che custodisce un monumento dedicato ai giovani Carlo e Nello, antifascisti uccisi su mandato del regime il 9 giugno 1937. È stato un momento intenso, cui hanno partecipato tante Associazioni italiane e francesi, tra cui molte di combattenti e reduci di guerra. Il cenotafio dei Fratelli Rosselli si trova ora al Cimitero parigino del Père Lachaise, ove Carlo e Nello hanno riposato fino alla traslazione delle loro salme in Italia. Fanno parte anche loro dei personaggi illustri trattati nel progetto di valorizzazione del Comites e del Consolato, di cui al quarto paragrafo di questa lettera.
Sul fronte dei servizi consolari, oltre a quanto vi ho già riferito sulle elezioni, c’è da registrare un’importante novità.
A partire dalla metà di maggio, è possibile prenotare l’appuntamento per rinnovare il passaporto anche tramite una linea telefonica dedicata, ad una fascia oraria in cui si registra minore affluenza di chiamate verso il centralino, dalle 13:30 alle 15:30. Da quanto abbiamo rilevato in queste prime settimane, questa misura sembra contribuire efficacemente ad allentare il concentrarsi delle chiamate in alcuni orari. Ne approfitto comunque per ricordarvi che il rinnovo del passaporto è consentito anche 6 mesi prima della scadenza ed è pertanto consigliabile, se possibile, orientarsi verso periodi diversi da quelli antecedenti le grandi vacanze.
Prima di lasciarvi, vi invito a tenere sempre d’occhio il nostro sito ufficiale, sul quale sono pubblicati gli avvisi importanti e le notizie di maggior interesse; nonché i nostri canali social (facebook, twitter e instagram) che, con regolarità, raccontano i momenti più salienti della vita in Consolato e al di fuori, durante i tanti avvenimenti pubblici.
Auguro di trascorrere una lieta e serena vacanza a coloro che già fin d’ora si apprestano a partire per le vacanze, e una buona permanenza sotto questo clima bizzarro per chi rimane. Anche se ad agosto l’attività avrà ritmi meno intensi, il Consolato resta per voi sempre a disposizione”. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi