CONSIGLI POTENZIALI PER LE VACANZE SUL NUOVO ALMANACCO DELLA SCIENZA DEL CNR

ROMA\ aise\ - Quest’anno la pandemia di Covid-19 limita la nostra voglia e possibilità di partire e di spostarci per le vacanze: secondo un’indagine di Robintour Travel Group e italiani.coop oltre 10 milioni di connazionali sta pensando di restare a casa quest’estate. Secondo l’Agenzia nazionale del turismo (Enit), inoltre, il 40% di quanti sceglievano viaggi all’estero quest’anno sceglierà una meta nel Belpaese. Per questa estate e per queste vacanze così particolari, quindi, l’Almanacco della Scienza - magazine on line del Consiglio nazionale delle ricerche on line all'indirizzo - propone nel Focus monografico una serie di posti “del cuore” dove i ricercatori del Cnr sono stati per lavoro, apprezzandoli in modo particolare.
I luoghi consigliati e ricordati dai ricercatori si trovano sia in Italia che all’estero e sono strettamente legati alle loro attività di ricerca. Prevalgono quelli con particolare valenza ambientale: Renato Colucci dell’Ismar suggerisce le Dolomiti, patrimonio dell'umanità Unesco i cui ghiacciai sono però a grave rischio e si stanno progressivamente riducendo, come quelli di un po’ tutto l’arco alpino, mentre Giovanni De Falco dell’Istituto per lo studio degli impatti antropici e sostenibilità in ambiente marino consiglia la splendida area marina protetta sarda della Penisola del Sinis-Isola di Mal di Ventre.
Il neuroscienziato Antonio Cerasa dell’Istituto per la ricerca e l'innovazione biomedica ha invece frequentato per una ricerca sulle potenzialità cerebrali degli chef la non meno bella area marchigiana del monte Conero e della baia di Portonovo. Uscendo dai confini nazionali, Giulio Lucarini dell’Istituto di scienze per il patrimonio culturale scrive dell'Oasi di Farafra, nel Sahara egiziano, oggi desertica ma un tempo verde e popolata.
Due località di studio che costituiscono potenziali mete turistiche di grande interesse sono indicate rispettivamente da Adele Manzella dell’Istituto di geoscienze e georisorse e da Gelsomina Pappalardo dell’Istituto di metodologie per l'analisi ambientale: Larderello, centro toscano noto per la spettacolare attività geotermica utilizzata a fini energetici, e la magica Matera, dove il Cnr ha costituito un Centro interdipartimentale.
Infine, tre ricercatori ricordano con passione le loro esperienze all’estero: Luca Moretti dell’Unità relazioni europee e internazionali “invita” i lettori a Bruxelles, affrancando la città dalla sua immagine freddamente burocratica; Emanuele Fiore elogia la bellezza di un Paese dove la scienza ha un ruolo davvero preminente come il Canada, dove è stato per otto anni addetto scientifico presso l'Ambasciata italiana; Elena Magnano e Marco Lazzarino dell’Istituto officina dei materiali – coppia nella vita e nel lavoro – rammentano una loro entusiasmante esperienza a Boulder, negli Stati Uniti.
Il tema del viaggio, dei posti, dei luoghi torna poi nel Faccia a faccia, con un’intervista a Paolo Di Giannantonio, giornalista che ha girato il mondo come inviato Rai; nelle Recensioni, con il romanzo “Tornare a casa” di Hansen Dörte, le riviste “Nuove Direzioni” e “Ligabue Magazine” e il “Piccolo lessico geografico” di Renato Cavedon; in Altra ricerca si ricorda il webinar organizzato da Playhotel Next sulle azioni per combattere la crisi del settore alberghiero; in uno dei Video, in cui si racconta, infine, la storia della via Appia Antica. (aise)