MALNUTRIZIONE ACUTA IN AFRICA: L’ALLARME DELL’UNICEF

Malnutrizione acuta in Africa: l’allarme dell’Unicef

GINEVRA\ aise\ - Con l'avvicinarsi del 2021, l'Unicef esprime la sua “profonda preoccupazione” per la salute e il benessere di 10,4 milioni di bambini che il prossimo anno soffriranno di malnutrizione acuta nella Repubblica Democratica del Congo (RDC), nel nord-est della Nigeria, nel Sahel centrale, nel Sud Sudan e nello Yemen.
Tutti questi, ricorda l’agenzia, “sono Paesi o regioni che stanno vivendo crisi umanitarie terribili, ma che sono anche alle prese con l'aggravarsi dell'insicurezza alimentare, una pandemia mortale e - ad eccezione del Sahel centrale - una carestia incombente”.
"Per i Paesi che si trovano ad affrontare le conseguenze di conflitti, disastri e cambiamenti climatici, il COVID-19 ha trasformato una crisi alimentare in una catastrofe imminente", ha commentato il Direttore generale dell'UNICEF Henrietta Fore. "Le famiglie che già lottano per nutrire i loro figli e loro stesse sono ora sull'orlo della carestia. Non possiamo permettere che siano le vittime dimenticate del 2020".
Nella Repubblica Democratica del Congo, si stima che 3,3 milioni di bambini sotto i cinque anni soffriranno di malnutrizione acuta nel 2021, di cui almeno 1 milione con malnutrizione acuta grave. Queste cifre allarmanti – spiega l’Unicef – sono dovute alla continua insicurezza, alle conseguenze socioeconomiche della pandemia da COVID-19 e all'accesso limitato ai servizi essenziali per i bambini e le famiglie vulnerabili.
Nel nord-est della Nigeria, si prevede che più di 800.000 bambini soffriranno di malnutrizione acuta nel 2021, di cui quasi 300.000 con malnutrizione acuta grave, a rischio di morte imminente.
Nel nord-ovest del Paese, la situazione nutrizionale è ancora più grave. Lo Stato di Kebbi sta registrando un tasso di malnutrizione cronica del 66%, più del 20% in più rispetto allo Stato di Borno nel nord-est. Nello Stato di Sokoto, sempre nel nord-ovest della Nigeria, quasi il 18% dei bambini soffre di malnutrizione acuta e il 6,5% soffre di malnutrizione acuta grave.
Nel Sud Sudan, l'ultimo Integrated Food Security Phase Classification (IPC), pubblicato all'inizio di questo mese, ha indicato un ulteriore deterioramento della sicurezza alimentare, con quasi 7,3 milioni di persone - il 60% della popolazione - che dovrà affrontare una grave insicurezza alimentare acuta nel 2021. Si stima che 1,4 milioni di bambini soffriranno di malnutrizione acuta nel 2021, la più alta dal 2013. Nel frattempo, il numero di bambini che soffrono di malnutrizione acuta grave potrebbe aumentare da circa 292.000 bambini quest'anno a oltre 313.000 nel 2021.
L'aumento dell'insicurezza alimentare domestica e della malnutrizione acuta tra i bambini – spiega ancora l’Unicef – è attribuito ai conflitti in corso e all'insicurezza e all'accesso limitato alla nutrizione essenziale, all'assistenza sanitaria e all'acqua, alle strutture igienico-sanitarie e ai servizi igienici. Le inondazioni in alcune aree nel 2020 hanno aggravato il già elevato livello di malnutrizione acuta tra i bambini.
Nei Paesi del Sahel centrale - Burkina Faso, Mali e Niger - l'intensificarsi del conflitto, lo sfollamento e gli shock climatici lasceranno circa 5,4 milioni di persone che lottano per soddisfare il loro fabbisogno alimentare quotidiano durante la prossima stagione secca. L'insicurezza alimentare acuta è aumentata del 167% in Burkina Faso, del 34% in Mali e del 39% in Niger, rispetto alla media quinquennale.
Il numero di bambini che soffrono di malnutrizione acuta potrebbe aumentare del 21%. Questo porterebbe il numero totale di bambini malnutriti nei tre Paesi a 2,9 milioni, compresi 890.000 bambini che soffrono di malnutrizione acuta grave.
In tutto lo Yemen, oltre 2 milioni di bambini sotto i cinque anni di età soffrono di malnutrizione acuta, di cui quasi 358.000 con malnutrizione acuta grave - un numero che si prevede in aumento. In 133 distretti dello Yemen meridionale, dove vivono 1,4 milioni di bambini sotto i cinque anni, le recenti analisi rivelano un aumento di quasi il 10% dei bambini con malnutrizione acuta tra gennaio e ottobre 2020.
Questo comprende un aumento di oltre il 15% - quasi 100.000 bambini - nei casi di malnutrizione acuta grave. Un'analisi simile è in fase di completamento per il nord dello Yemen e sono attesi risultati allarmanti anche lì.
In tutti questi Paesi e oltre, l'Unicef sta sollecitando gli attori umanitari sul campo e la comunità internazionale ad ampliare urgentemente l'accesso e il sostegno ai servizi nutrizionali, sanitari, idrici e igienico-sanitari per i bambini e le famiglie.
Nonostante le sfide dovute al COVID-19, quest'anno l'Unicef e i suoi partner hanno continuato a fornire assistenza salvavita ai bambini più vulnerabili e alle loro famiglie nelle zone più difficili da raggiungere, attraverso l'adeguamento dei programmi esistenti per mantenere e aumentare l'accesso. L'Unicef ha lanciato un appello per oltre 1 miliardo di dollari per sostenere i suoi programmi di nutrizione salvavita per i bambini nei Paesi colpiti da crisi umanitarie nel 2021. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi