REFERENDUM SVIZZERA/ VON DER LEYEN: SVIZZERA E UE SONO BEN PIÙ CHE SEMPLICI VICINI

REFERENDUM SVIZZERA/ VON DER LEYEN: SVIZZERA E UE SONO BEN PIÙ CHE SEMPLICI VICINI

BRUXELLES\ aise\ - “La Svizzera e l'Unione europea sono ben più che semplici vicini. Ci uniscono legami stretti e profondi, che affondano le radici in una lunga storia europea condivisa. La vicinanza geografica è certamente importante, ma lo sono ancor più gli stretti legami tra i nostri cittadini”. Così la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, in merito all'esito del referendum svizzero sulla libertà di circolazione con l'UE respinto ieri dagli svizzeri.
“Circa 1,4 milioni di cittadini dell'Unione europea vivono in Svizzera e 450 000 svizzeri vivono nell'Unione. Inoltre 320 000 cittadini dell'Unione attraversano ogni giorno la frontiera per recarsi a lavorare in Svizzera”, ricorda von der Leyen, secondo cui con il voto di ieri “i cittadini svizzeri hanno dimostrato il valore che hanno per loro questi legami”.
“Il loro voto – aggiunge – corrobora uno dei pilastri centrali della nostra relazione: la libertà reciproca di spostarsi, vivere e lavorare in Svizzera e nell'Unione europea. Accolgo con soddisfazione questo risultato, in cui vedo un segnale positivo per continuare a consolidare e approfondire i nostri rapporti. Parlerò a breve con la signora Sommaruga, presidente della Confederazione svizzera, per congratularmene. Naturalmente mi aspetto ora che il Consiglio federale svizzero proceda rapidamente a firmare e far ratificare l'accordo quadro istituzionale che abbiamo negoziato nel 2018, conclude von der Leyen. “Ripeterò questo messaggio, che le avevo già trasmesso nel gennaio scorso in occasione del nostro incontro a Davos”. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi