Giorno della memoria: la storia di Giuseppe Bresolin risorge dagli archivi INPS di Treviso

TREVISO\ aise\ - La cattura e la deportazione in un campo di concentramento in Germania di Giuseppe Bresolin, un militare italiano nato nel 1914 e scomparso nel 1997: è questa la storia “scoperta” in un archivio della direzione Inps di Treviso, attraverso un foglio matricolare dell’Esercito Italiano contenuto in un datato fascicolo di pensione. Sopravvissuto alla deportazione, il signor Bresolin è stato insignito della Croce al merito di guerra.
In occasione della “Giornata della memoria”, mercoledì 27 gennaio, presso l’Agenzia INPS di Montebelluna (TV) si è tenuta nel rispetto delle norme anti-Covid una breve cerimonia in ricordo di tutte le vittime dell’olocausto, nel corso della quale il documento è stato consegnato ai familiari di Giuseppe Bresolin, alla presenza dei vertici dell’Inps, dei rappresentanti dell’amministrazione comunale di Montebelluna e dell’Esercito Italiano.
Il ritrovamento del documento, oltre al valore umano e simbolico, costituisce anche testimonianza del grande valore storico e culturale del patrimonio archivistico dell’Istituto e del suo legame con la storia del Paese e con i suoi cittadini. (aise)