La Slovenia blocca i frontalieri italiani: Rizzetto (FdI) interroga Di Maio

ROMA\ aise\ - “Tutelare i territori di confine e le comunità interessate che stanno subendo un grave danno in conseguenza delle iniziative assunte dalla Slovenia, senza preavviso e ad avviso dell'interrogante arbitrariamente, per imporre il blocco dei confini”. Così Walter Rizzetto, deputato di Fratelli d’Italia, che in questa interrogazione al Ministro Di Maio chiede l’intervento della Farnesina a tutela dei frontalieri del Friuli Venezia Giulia.
“Il Governo sloveno – ripota il deputato nella premessa – continua a sbarrare i valichi con il Friuli Venezia Giulia, per impedire l'accesso nel proprio territorio agli italiani, creando gravi disagi ai lavoratori che operano oltre i confini; sono stati installati nuovi sbarramenti a Muggia nelle frazioni di Lazzaretto, Santa Barbara, Cerei, Chiampore oltre che in provincia di Udine, a Taipana”.
Secondo Rizzetto “il Governo non può continuare a restare inerme di fronte a quelli che all'interrogante appaiono continui abusi della Slovenia, che questa volta ha deciso di vietare il transito in vista del lockdown che sarà attivato sul proprio territorio dal 1° aprile 2021; si tratta di provvedimenti adottati dalle autorità slovene senza una preventiva informazione e che hanno di conseguenza messo in difficoltà i sindaci italiani dei territori coinvolti”.
Per il deputato “è inconcepibile il comportamento che in questa emergenza sanitaria sta portando avanti un Paese dell'Unione europea nei nostri confronti e nel silenzio di ogni istituzione”.
Per questo, Rizzetto chiede a Di Maio “se e quali iniziative il Governo intenda urgentemente adottare per tutelare i territori di confine e le comunità interessate che stanno subendo un grave danno in conseguenza delle iniziative assunte dalla Slovenia, senza preavviso e ad avviso dell'interrogante arbitrariamente, per imporre il blocco dei confini”. (aise)