CORONAVIRUS: LA RETE DI SOLIDARIETÀ DEI BERGAMASCHI NEL MONDO – DI MAURO ROTA

CORONAVIRUS: LA RETE DI SOLIDARIETÀ DEI BERGAMASCHI NEL MONDO – di Mauro Rota

BERGAMO\ aise\ - Serve molto ottimismo per cogliere aspetti positivi nel perdurare di questa tragica situazione. In effetti le sollecitazioni a non fare di questo virus il virus dell'egoismo indifferente hanno sollevato un'ondata di solidarietà da ogni parte del mondo. Bergamo e la sue vallate si sono inaspettatamente trovate sotto i riflettori dei media internazionali per la virulenza dell'epidemia da coronavirus.
Bergamo sta soffrendo e piangendo le numerose perdite di tanti famigliari, amici e conoscenti note al mondo intero per le scioccanti immagini dei camion militari carichi di bare e le decine di pagine di necrologi sui quotidiani. Prima azione dell'Ente Bergamaschi nel Mondo è stato quindi il monitoraggio delle comunità bergamasche all'estero interpellando i presidenti e soci dei Circoli per avere notizie da loro e assicurazioni per i loro famigliari.
La nostra Bergamo, che nel tempo ha dimostrato solidarietà concreta in numerose situazioni di richiesta di aiuto, dalle calamità naturali alle emergenze umanitarie, ora, a sua volta, ha bisogno di aiuto e lo richiede con riservata dignità ricevendo uno slancio di commovente solidarietà da tutto il mondo.
Anche la comunità dei Bergamaschi all'estero si è mobilitata. Da subito aderendo alla raccolta fondi indetta dall'Ente Bergamaschi nel Mondo (EBM) in collaborazione con la Fondazione della Comunità Bergamasca per la fornitura di materiale sanitario da distribuire direttamente agli operatori in prima linea sul territorio. E poi attivando la rete dei Circoli e delle Delegazioni dell'EBM per il reperimento di ulteriore materiale sanitario. Rispondendo all'appello trasmesso dalla Delegazione di Regione Lombardia presso l'UE il Circolo di Bruxelles si è subito mobilitato a facilitare il contatto diretto con la società ARIA con delega regionale all'acquisto di materiale per l'emergenza covid-19. Dall'Argentina Pedro Borroni ha sottoposto la fornitura di 15 milioni di mascherine chirurgiche e 5 milioni di FF/P2 oltre a grossi quantitativi di detergente e di respiratori. Contemporaneamente il referente EBM negli USA, Stefano Deleidi, amministratore delegato della Micro Research, si è interessato per la fornitura di dispositivi igienico-sanitari dalla Cina dove ha operato per una quindicina di anni. Così, superando difficoltà logistiche di trasporto e burocratiche di sdoganamento la Protezione Civile di Mozzo ha ricevuto dalla città cinese di Wuxi un'importante spedizione di materiale sanitario DPI. L'etichetta sugli scatoloni riporta: "From Wuxi to our friends in Bergamo, we stand by you, "Andrà tutto bene!" - Micro Research is glad to help anyway it can". (Dalla Cina/Wuxi ai nostri amici di Bergamo, siamo con voi, "Andrà tutto bene!"- Micro Research è grata di poter aiutare come può).
Bergamaschi, gente semplice quanto riservata, seria e soprattutto nota per la laboriosità. Caratteristiche queste in cui si identifica in modo particolare il bergamasco che è partito all'estero guadagnandosi l'apprezzamento dal mondo intero. Ne è ben consapevole l'Ente Bergamaschi nel Mondo con i suoi Circoli e Delegazioni nei cinque continenti a cui fanno riferimento circa 55.000 Bergamaschi. Una Bergamo "fuori da Bergamo" a cui si è particolarmente legati per vincoli affettivi, per le tradizioni condivise, per l'attaccamento alla propria terra e alla propria gente. E per noi, Bergamaschi nel Mondo, constatare quanto sia tangibile lo slancio di solidarietà ricevuta è motivo di commovente fierezza.
Importante è stato anche il ruolo di EBM nell'attivare i propri canali di contatto per facilitare il rimpatrio di 135 ragazzi italiani, di cui quattro bergamaschi, bloccati a Disney Word di Orlando.
Insomma è quanto mai verosimile che questo non sia il tempo dell'indifferenza. Parole chiave sono solidarietà, fiducia e responsabilità pensando al bene che si può fare sfruttando il tempo della pandemia come prova per elaborare uno sguardo nuovo.
Con la consapevolezza che la gravità del momento ponga tutto in second'ordine e il prolungarsi sine die della situazione di stallo faccia dell'incertezza l'unica certezza, ma che la tenacia bergamasca non va però in quarantena, le attività sospese dell'EBM, sostenute dal presidente Carlo Personeni, saranno rinviate non appena la situazione sarà normalizzata trovandoci pronti a ripartire da operosi bergamaschi. (mauro rota*\aise)
* presidente del Circolo di Bruxelles dell'Ente Bergamaschi nel Mondo e coordinatore dei Circoli e delle Delegazioni dell'Ente Bergamaschi nel Mondo


Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi