“Mobilità e migrazioni all'interno dei confini dell’Europa” al centro del convegno internazionale promosso da EZA e UNAIE

TRENTO\ aise\ - È in programma domani, venerdì 19 febbraio, e sabato 20 la conferenza “Mobilità e migrazioni all'interno dei confini dell’Europa”, promossa da UNAIE (Unione Nazionale delle Associazioni degli Immigrati e degli Emigrati) ed EZA (Europäisches Zentrum für Arbeitnehmerfragen - Centro europeo per le questioni dei lavoratori) e organizzata dall'Associazione Trentini nel Mondo.
Il convegno sarà trasmesso in diretta streaming su YouTube: la partecipazione è gratuita e sul sito della Trentini nel mondo è disponibile il modulo da compilare per iscriversi e ricevere il link per il collegamento.
La due giorni di relazioni online, con relatori internazionali che affronteranno da più punti di vista il tema della mobilità all'interno dei paesi europei e di come l'emergenza sanitaria l’abbia influenzata e condizionata, inizierà alle 14.30 di venerdì 19 febbraio. Ad introdurre l’incontro saranno i saluti e gli interventi di Ilaria Del Bianco e Alberto Tafner, presidente e vicepresidente UNAIE, Delfina Licata della Fondazione Migrantes e Lara Olivetti, avvocato di diritto internazionale Freefy AB, moderati da Maurizio Tomasi.
Partirà poi la video conferenza vera e propria che analizzerà la realtà dell'Italia e del Trentino per approfondire poi quelle di Francia, Germania e Svezia con gli interventi di Luciano Rocchetti, Edith Pichler e Frederic Spagnoli.
Sabato mattina, a partire dalle ore 9.00, il focus sarà sull'est europeo, con l'attenzione rivolta in particolare alla rotta balcanica, via di emigrazione da qualche mese tristemente al centro delle cronache per la drammaticità delle condizioni affrontate da chi cerca, lungo questa strada, una fuga verso un futuro migliore. Interverranno Irina Diana Madroane, Gyorgy Laitaj, Rumen Valchev e Caterina Ghobert.
Il convegno proseguirà nel pomeriggio con una una tavola rotonda, che metterà a confronto le esperienze di lavoratori italiani impegnati in diversi Paesi europei: Luca Endrizzi dalla Francia, Giada Pellegrin dal Lussemburgo ed Elisabetta Zontini e Paolo Bastiani dal Regno Unito.
Sarà poi l’intervento di Vittorino Rodaro dell’UNAIE a tirare le conclusioni del convegno.
Menzione a parte merita l'incontro in calendario venerdì 19 febbraio alle ore 20.00, sempre online, dedicato alla pandemia: Ilaria Dorigatti, matematica ed epidemiologa presso il Centro per l'analisi e le malattie infettive dell'Imperial College di Londra, proporrà un'analisi scientifica sullo stato reale della diffusione del contagio. (aise)