REPUBBLICA DOMINICANA: RILANCIARE I RAPPORTI CON L’ITALIA CON AMBASCIATA E CCI

REPUBBLICA DOMINICANA: RILANCIARE I RAPPORTI CON L’ITALIA CON AMBASCIATA E CCI

SANTO DOMINGO\ aise\ - Il Ministro degli Affari Esteri della Repubblica Domenicana, Roberto Álvarez, ha espresso l'impegno del Governo dominicano a rilanciare le relazioni del Paese con l'Italia, nel corso del suo intervento alla conferenza dal titolo “Politica estera e commerciale della Repubblica Dominicana, nell'attuale contesto economico condizionato dal COVID-19”, che dà il via al ciclo di incontri virtuali organizzato dall'Ambasciata d'Italia a Santo Domingo insieme alla Camera di Commercio Italo-Dominicano.
Il ministro Álvarez ha evidenziato le priorità della nuova politica estera dell'attuale governo, il valore degli investimenti esteri diretti (IDE), gli accordi stabiliti e gli scambi bilaterali, nonché le sfide del contesto attuale che sono sorte della pandemia.
L'ambasciatore italiano nella Repubblica Dominicana, Andrea Canepari, da par suo ha riconosciuto gli importanti legami diplomatici e commerciali che hanno caratterizzato entrambe le nazioni nel corso della storia e ha sottolineato l'interesse del Paese europeo a rilanciare gli scambi economici con il Paese.
In termini di collaborazione, ha sottolineato che il Paese ha beneficiato principalmente dell'alta tecnologia italiana applicata all'industria agricola e artigianale, come l'offerta di borse di studio per la formazione professionale e accademica dei giovani dominicani.
“Il nostro Presidente ha sottolineato l'impegno del suo governo a costruire il benessere dei suoi cittadini, ma ha anche sottolineato che questo può essere raggiunto solo nel contesto dell'accesso ai mercati dei nostri partner commerciali tradizionali, multilateralismo e cooperazione internazionale ", ha affermato il ministro.
Álvarez, che parla per la prima volta in un forum di questo tipo da quando ha assunto la sua posizione in MIREX, ha spiegato che tra i prodotti dominicani con le migliori vendite in Italia ci sono: ferronichel, cacao, oro e dispositivi a raggi ultravioletti o infrarossi per uso medico. Ha anche affermato che c'è un grande potenziale nel mercato del rum, dove l'Italia ha aumentato ogni anno le sue importazioni globali. Allo stesso modo, ha sottolineato che il settore privato italiano è stato fondamentale per gli IDE nel paese, poiché solo nel 2019 sono stati investiti 57 milioni di dollari dall'Italia, secondo i dati della Banca centrale. In quell'anno, è stato classificato come l'ottavo paese emittente di IDE destinati alla nazione caraibica.
Turismo
Per quanto riguarda il settore turistico, ha indicato che lo scorso anno il Paese ha accolto circa 93mila turisti, posizionando l'Italia al sesto posto rispetto all'Europa, dopo Francia, Russia, Germania, Spagna e Inghilterra. Allo stesso modo, ha sottolineato l'appello del presidente Abinader, ad aprire il turismo nazionale a partire dal prossimo 1° ottobre. (aise) 

Newsletter
Archivi