Emirati Arabi Uniti: Saipem si aggiudica il contratto per l'espansione dell'impianto di Shah

ROMA\ aise\ - Abu Dhabi National Oil Company (Adnoc) ha annunciato l'assegnazione ufficiale di un progetto da 510 milioni di dollari (circa 420 milioni di euro) a SAIPEM, per un contratto di tipo EPC (Engineering, Procurement and Construction) per espandere la capacità dell'impianto di gas acido Shah ad Abu Dhabi, ufficialmente noto come Optimum Shah Gas Expansion (OSGE).
Il progetto OSGE, che comprende anche la fornitura di materiali, costruzione e messa in opera dei moduli aggiuntivi, dovrebbe essere completato nel 2023 ed aumenterà la capacità di lavorazione dell'impianto di gas di Shah del 13%, portandolo da 1,28 a 1,45 miliardi di piedi cubi al giorno, che equivale ad un incremento complessivo del 145% rispetto al progetto originario, realizzato sempre da SAIPEM nel 2015.
L'impianto onshore di Shah, situato 200 chilometri a sud di Abu Dhabi, è il più grande del mondo del suo genere e comprende sia unità di trattamento del gas ultra acido che linee di produzione di granulazione dello zolfo, con l'utilizzo di tecnologie particolarmente avanzate ed il rispetto di elevati standard per la tutela della sicurezza e dell'ambiente.
Lo zolfo recuperato e viene trasportato da Etihad Rail al terminale costiero di ADNOC presso Al Ruwais, da dove viene esportato nei mercati di tutto il mondo per essere utilizzato nella produzione di fertilizzanti.
Le modifiche che saranno apportate per l'espansione dell'impianto permetteranno un'integrazione con le strutture esistenti, riducendo al minimo gli impatti sulla produzione e minimizzando i tempi di fermo. (aise)