500 ITALODISCENDENTI AL 18°CONGRESSO DEI GIOVANI DI FEDITALIA A MAR DEL PLATA

500 ITALODISCENDENTI AL 18°CONGRESSO DEI GIOVANI DI FEDITALIA A MAR DEL PLATA

MAR DEL PLATA\ aise\ - “Questa è un’opportunità storica per inserire finalmente i giovani nell’associazionismo”. È stato questo il commento di Adriano Cario a margine del 18° Congresso dei Giovani di origini italiane in Argentina, organizzato a Mar del Plata da FEDITALIA e andato in scena sabato e domenica scorsi, 12 e 13 ottobre, che ha visto la partecipazione di circa 500 giovani italo-discendenti argentini.
Il rinnovato esecutivo della Confederazione delle Associazioni di italiani in Argentina, nel primo anno dalla sua assunzione, è dunque riuscita in uno dei suoi intenti, promessi al momento dell’elezione, organizzando il Congresso dei Giovani nel Teatro Colón della città più importante della costa atlantica argentina e con una enorme e vigorosa comunità italiana presente.
“Uno dei primi ricordi che ho sulla collettività è quello di aver assistito ad uno dei congressi dei giovani di FEDITALIA”, ha detto Julio Croci, Presidente di FEDITALIA, che ha anche voluto sottolineare l’importanza di Raffaele Vittielo, storico rappresentante della comunità italiana a Mar del Plata ed attuale Presidente del COMITES locale. “Lui - ha detto Croci - è stato il primo che mi ha aperto le porte, perciò è un orgoglio essere oggi qui ad inaugurare questo congresso come Presidente di FEDITALIA con la sua presenza”.
Oltre a Vitiello, c’erano tantissimi dirigenti sia di Mar del Plata che provenienti da tutta l’Argentina. Senza dubbio, la presenza del Senatore Adriano Cario è stata quella più contundente, ma non meno importanti sono state le presenze del Console d’Italia a Mar del Plata, Dario Cortese, di Dario Signorini, Presidente del COMITES di Buenos Aires, di FEDIBA, di Irma Rizzuti, addetta culturale dell’Ambasciata argentina a Roma, di Graciela Laino, storica dirigente di FACA ed ex-presidente del COMITES di Buenos Aires, di Leonardo De Simone, Antonio Pontoriero, di Palmira Frasca e Luis Cosenza, di FACA, di Jose Laurino di FACIA (Federazione delle Associazioni Cattoliche Italiane in Argentina), dell’ex Vicepresidente ed ultimo candidato a Presidente di FEDITALIA, Francisco Nardelli, e della presentatrice della giornata e Presidente dell’Associazione Vazzanese di Buenos Aires, Marite Perrella.
“L’impulso che ha dato Julio Croci in FEDITALIA alla partecipazione dei giovani è un processo genuino che si sta svolgendo da anni con Irma Rizzuti, Graciela Laino, Franco Fiumara, e tanti altri dirigenti di FACA come Antonio Pontoriero, Luis Cosenza, Palmira Frasca e Cristina Borruto, ai quali si deve aggiungere Ricardo Merlo (sottosegretario agli Affari Esteri italiani, ndr), Mario Borghese e Darío Signorini che dai congressi del MAIE hanno contribuito” ha riconosciuto il senatore Cario.
Il Teatro Colón ha aperto le porte verso le 9.00 del mattino, permettendo alle centinaia di giovani dirigenti di tutto il paese di riempire il salone di accreditamento sin dall’inizio della giornata. Gli organizzatori hanno stimato la presenza, nelle due giornate di attività, di circa 500 giovani.
Cario, ha infine concluso ringraziando “Julio Croci e tutti i dirigenti che hanno reso possibile l’evento, che sono sicuro saranno all’altezza del momento storico che oggi trascorriamo”. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi